PRECISAZIONI I climatizzatori al Freon devono essere sostituiti entro il 2020

Molti si stano chiedendo se i climatizzatori al Freon, negli Stati Uniti, dovranno essere tutti sostituiti, creando un vorticoso giro d’affari e ingenti spese per i cittadini.

freon

Sebbene la produzione o l’importazione del Freon sarà vietata negli Stati Uniti a partire dal 2020, le unità A / C basate su Freon non dovranno essere sostituite immediatamente.

A partire dal 1° gennaio 2020, la sostanza chimica HCFC-22, componente principale del refrigerante denominato “Freon”, non sarà più prodotta o importata negli Stati Uniti.

Gli impianto di climatizzazione a base di Freon, però, non dovranno essere sostituiti entro il 2020, sebbene col tempo diventerà sempre più difficile ottenere l’HCFC-22 necessario per ricaricarli.

Capiamo meglio

È importante capire cosa succederà negli Stati Uniti, perché sono forse il paese che più inquina nel mondo.

La maggior parte dei climatizzatori domestici funziona utilizzando un sistema di refrigerazione a compressione di vapore. In tali sistemi, una miscela di sostanze chimiche note come refrigerante è contenuta in forma liquida sotto pressione. Quando tale miscela viene pompata in una zona a pressione più bassa, si espande e si muta in un gas, quindi assorbe il calore attorno prima di essere pompata. Il gas viene quindi ricompresso e questo processo ricomincia.

FREON

I primi refrigeranti ampiamente utilizzati erano i clorofluorocarburi, noti anche come CFC. Negli anni ’70, tuttavia, la comunità scientifica stabilì che il CFC si stavano accumulando nella parte alta dell’atmosfera causando il buco dell’ozono. Questo strato di ozono è fondamentale per la protezione naturale del pianeta da alcune radiazioni solari.

Nel 1987, 27 paesi hanno quindi firmato un trattato ambientale globale chiamato Protocollo di Montreal per ridurre le sostanze che riducono lo strato di ozono. In base a questo trattato, i firmatari si sono impegnati a ridurre l’uso di composti che riducono l’ozono (come halon e CFC) a meno del 50% dei livelli del 1987 entro il 2000.

I nuovi sistemi

Una delle sostituzioni più utilizzate per i CFC era costituita da sostanze chimiche note come idroclorofluorocarburi (HCFC). Questa sostituzione ha reso possibile il ritiro graduale dei CFC. Sfortunatamente, molti HCFC, incluso HCFC-22 (un componente principale del prodotto commerciale “Freon“), contribuiscono entrambi al riscaldamento globale e possono, in misura minore, bucare lo strato di ozono.

Per questo motivo, i firmatari del Protocollo di Montreal hanno concordato di accelerare la graduale eliminazione di questi prodotti nel 2007. Per gli Stati Uniti, l’Environmental Protection Agency (EPA) vietava la produzione di nuovi condizionatori basati su HCFC-22 o la loro installazione dopo il 1° gennaio 2010. Vietata anche l’importazione o la produzione di HCFC-22.

I condizionatori più recenti sono obbligati a utilizzare refrigeranti adatti all’ozono. Il sostituto più comune per HCFC-22 negli Stati Uniti è R-410A, che non danneggia lo strato di ozono ma è considerato un gas a effetto serra.

Tutti questi cambiamenti, tuttavia, vengono fatti ala produzione. Il consumatore non deve agire. Se si dispone di una vecchia unità di condizionamento dell’aria, è probabile che diventi sempre più difficile da gestire in futuro. Ma non sarà necessario sostituirla finché si troverà il gas già prodotto.

È possibile continuare a riparare il sistema HCFC-22 esistente. È inoltre possibile acquistare un sistema “autonomo” se è di seconda mano e/o è stato prodotto prima del 2010. Da tenere presente che le forniture di HCFC-22 dovrebbero diventare più limitate negli anni. Infatti questo refrigerante è gradualmente fuori produzione.

L’articolo PRECISAZIONI I climatizzatori al Freon devono essere sostituiti entro il 2020 sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.