ANALISI IN CORSO Migranti accerchiano due militari: fratturano il viso al carabiniere

Un gruppi di migranti ha accerchiato e aggredito due carabinieri. Lo riporta Il Giornale in un articolo del 31 luglio 2018:

Mentre la sinistra sbraita urlando all’escalation razzista, a Vittoria un gruppo di immigrati circonda e malmena due carabinieri e una coppia di italiani.

Siamo a Vittoria, nel ragusano, dove una pattuglia di Carabinieri stava cercando di arrestare un tunisino quando sono stati circondati e pestati da un gruppo di africani. La pattuglia, in una piazza nota per lo spaccio di droga, si era messa sulle tracce di un pregiudicato tunisino di 33 anni. I militari lo hanno perquisito e gli hanno chiesto i documenti. Addosso l’uomo conservava ben 70 grammi di hashish, tutto ben diviso e pronto per essere venduto illegalmente.

Come ovvio, l’Arma ha tratto in arresto l’immigrato. O almeno ci ha provato. Il tunisino infatti si è dato alla fuga, coperto dai connazionali che in quel momento erano in piazza. Gli immigrati hanno circondato i carabinieri e li hanno feriti. Uno dei due militari ne avrà per 7 giorni, mentre l’altro ha riportato una prognosi di 30 giorni: i migranti lo hanno pestato fino a fratturargli lo zigomo.

In aiuto delle forze dell’ordine si sono lanciati due italiani, un uomo e una donna di 62 e 60 anni, che eroicamente hanno cercato di intervenire in difesa dei carabinieri. Gli immigrati si sono accaniti anche contro di loro: la donna ha riportato la frattura del setto nasale. Il tunisino, alla fine, è stato prontamente arrestato.

Duro il commento del ministro dell’Interno, Matteo Salvini: “Spacciatore tunisino fugge con la complicità dei connazionali – ha scritto su Facebook – eroici i due coniugi sessantenni che, per aiutare i Carabinieri ad arrestarlo, sono finiti all’ospedale. Al pregiudicato ‘pagatore di pensioni’ servono galera ed espulsione“.

Senza sminuire la gravità dell’episodio, parliamo di analisi in corso nell’attesa di ulteriori riscontri dalle testate nazionali.

Matteo Salvini, in allegato al suo commento, ha linkato un articolo di Ragusa News. L’uomo, un tunisino di 33 anni di nome Samir Essalah, veniva fermato dai Carabinieri in piazza Manin, a Vittoria, mentre si trovava in possesso di 70 grammi di hashish pronti per essere venduti. Vedendosi scoperto, Essalah si era messo in fuga, mentre in quel momento alcuni suoi connazionali avevano affollato la piazza. La folla aveva preso ad aggredire i militari per impedire che portassero a termine l’operazione. Due coniugi, di 62 e 60 anni, intervenivano in soccorso dei militari, ma venivano aggrediti anch’essi.

L’intervento di altri Carabinieri ha consentito di riportare in ordine l’intera situazione e di arrestare lo spacciatore, che veniva poi tradotto alla locale casa circondariale. I coniugi e i militari aggrediti, intanto, hanno ricevuto una prognosi dai 7 ai 30 giorni per le lesioni subite. La donna ha accusato una frattura sul setto nasale, mentre uno dei Carabinieri ha subito un trauma cranico e la frattura di uno zigomo.

Il Quotidiano di Ragusa riporta le parole del sindaco di Vittoria, Giovanni Moscato, che ha definito intollerabile la vicenda, avvenuta alle 19:30 in un luogo nel quale transitavano tantissimi cittadini.

Nell’attesa di nuovi riscontri e sviluppi sulla vicenda dell’accerchiamento dei militari da parte di un gruppo di migranti, vi rimandiamo a un prossimo articolo con i dovuti aggiornamenti.

 

 

L’articolo ANALISI IN CORSO Migranti accerchiano due militari: fratturano il viso al carabiniere sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.