ALLARMISMO In Puglia organismo marino tropicale velenoso. Esperti: “è mortale, se la vedete allontanatevi subito” – bufale.net

Ci segnalano i nostri contatti una preoccupante notizia relativa alle nostre spiagge

Un animale che somiglia alle meduse ma che appartiene ad una specie tropicale anche più pericolosa. Dalle acque spagnole a quelle italiane in arrivo la “velenosissima Caravella portoghese (Physalia physalis), avvistata pochi giorni fa sui litorali iberici. Come riportano autorevoli testate spagnole, alcuni esemplari sono stati avvistati al largo di San Juan ad Alicante e delle Costa del Sole, quella sulla quale si affacciano le spiagge di Malaga, la stessa Almeria e quelle dove si riversano gli abitanti di Granada, Murcia. La medusa, ancora poco conosciuta, apparsa improvvisamente, giungerà a breve anche sui litorali italiani”. La dottoressa Così Angela Santucci, biologa marina presso l’Istituto di Scienze Marine del CNR di Lesina (Foggia) fa sapere che negli ultimi 10 anni gli avvistamenti di questi animali (che NON sono meduse) lungo le coste italiane sono aumentati addirittura di dieci volte. Per il suo aspetto viene spesso scambiata per una medusa, ma è in realtà un sifonoforo. “Ormai ogni estate siamo a rischio a causa dell’innalzamento delle temperature globali, dei massivi traffici marittimi attraverso i canali che ci collegano con gli oceani, soprattutto quello di Suez, del depauperamento delle popolazioni di grossi pesci predatori, nonché competitori alimentari delle meduse” – spiega la biologa.

La caravella portoghese (Physalia physalis Linnaeus, 1758) è un celenterato marino, unica specie del genere Physalia e della famigliaPhysaliidae.[1] Per il suo aspetto viene spesso scambiata per una medusa, ma è in realtà un sifonoforo. Non si tratta cioè di un singolo organismo pluricellulare, ma dell’aggregazione di quattro diversi individui specializzati chiamati zooidi,[2] collegati e fisiologicamente integrati tra loro al punto da essere reciprocamente dipendenti per la sopravvivenza. È dotata di tentacoli capaci di punture molto dolorose e pericolose per l’uomo. Le punture di una caravella portoghese possono essere letali per l’uomo.[24][25] Essendo spesso scambiata per una medusa, si adoperano talvolta rimedi inappropriati: la composizione del veleno differisce infatti da quello delle meduse vere e proprie.

La notizia, in parte informazioni generali sulla Caravella Portoghese, in parte Wikipedia, è, come potrete intuire dal lancio, grandemente esagerata.

Trattasi di un caso di allarmismo: basta cercare fonti diverse per liberarsi di ogni terrore irrazionale che potrebbe tenervi lontani dal mare.

Riferisce il biologo marino Ferdinando Boero per Quotidiano di Puglia

Una domenica con meduse. Chi ieri, approfittando del giorno di festa e del caldo finalmente ritornato, si è recato al mare ha dovuto fare i conti con una vera e propria invasione di meduse, che sono state avvistate dai bagnanti un po’ su tutto il litorale, ma soprattutto a Otranto a San Foca. E molti bagnanti oltre a vederle… hanno avuto anche uno spiacevole (e doloroso) incontro ravvicinato.

Fortunatamente i rischi si fermano qui: risale a cinque anni fa, in Sardegna, l’unica morte documentata a causa di una puntura di medusa. L’esemplare letale è quello della velenosissima Caravella portoghese (Physalia physalis) che è stata avvistata pochi giorni fa sui litorali iberici e nello specifico al largo di San Juan ad Alicante e delle Costa del Sole, sulla quale si affacciano le spiagge di Malaga, la stessa Almeria e quelle dove si riversano gli abitanti di Granada, Murcia.
La medusa, attraverso lo Stretto di Gibilterra, raggiungerà anche i litorali italiani, ma già nelle scorso settimane il biologo marino Ferdinando Boero, dell’Università del Salento, aveva tranquillizzato i bagnanti: «È molto difficile che questa colonia galleggiante, che i più associano a una medusa, arrivi fino alle coste pugliesi. Se arriva può essere una, ma è improbabile che ne arrivino tante e quindi non c’è allarme per il Salento».
La Caravella entra da Gibilterra con la corrente e può effettivamente raggiungere le coste della Sardegna, della Liguria, della Toscana e della Sicilia. Potrebbe anche entrare nello Ionio, ma che riesca ad arrivare fino in Puglia è altamente improbabile. La pericolosità della Caravella sta nei suoi lunghi tentacoli. Ha tossine che possono causare fortissimi dolori e anche l’arresto cardiaco nell’uomo.

La Caravella Portoghese, che peraltro non è una medusa infatti non ha capacità di movimento autonome,ma si muove spostandosi con la corrente, rendendo assai improbabile il suo arrivo in massa.

Nondimeno, la pericolosità evidenziata nell’articolo che ci indicate è molto esagerata.

Potrete quindi godere della vostra vacanza tranquilli, col minimo di attenzione indicata dal dottor Boero.

L’articolo ALLARMISMO In Puglia organismo marino tropicale velenoso. Esperti: “è mortale, se la vedete allontanatevi subito” – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

NOTIZIA VERA E PRECISAZIONI Greenpeace ha attivato il servizio Plastic Radar

Nelle ultime ore sta circolando una Catena di Sant’Antonio che informa sull’attivazione del servizio Plastic Radar da parte di Greenpeace:

Ciao a tutti vi informo che Greenpeace ha attivato il servizio Plastic Radar: quest’estate potremo contattare su Whatsapp il numero +39 342 3711267 per segnalare la presenza di plastica sulla spiaggia, sui fondali o che galleggia sulla superficie del mare, mandando una foto in cui si veda la marca dell’azienda produttrice e condividendo la posizione! AIUTIAMO L’AMBIENTE!!! COMBATTIAMO IL DISIMPEGNO E L’IRRESPONSABILITÀ!!!

Se potete inoltrate questo messaggio, facendolo diventare una catena, forse una delle pochissime catene utili e sensate… infatti, se non lo mandate a 7 persone o scemenze del genere, non succederà niente, semplicemente meno persone saranno a conoscenza di quest’opportunità per collaborare con Greenpeace in modo semplice e gratuito…

In passato avevamo pubblicato una guida utile sulle iniziative da condividere anche senza ricorrere alle Catene di Sant’Antonio. Vi ricordiamo, prima di procedere alla nostra analisi, che le suddette catene possono snervare il vostro interlocutore e dunque, paradossalmente, non conoscere diffusione.

Tuttavia, la notizia della nascita del progetto Plastic Radar di Greenpeace è vera ed è riportata sul sito ufficiale dell’associazione in un comunicato pubblicato il 1° giugno 2018:

Greenpeace lancia oggi Plastic Radar, un servizio per segnalare la presenza di rifiuti in plastica sulle spiagge, sui fondali o che galleggiano sulla superficie dei mari italiani. È possibile partecipare all’iniziativa utilizzando la più comune applicazione di messaggistica istantanea, Whatsapp, inviando le segnalazioni al numero di Greenpeace +39 342 3711267.

Come si evince, Greenpeace non richiede di creare una catena di Sant’Antonio. In ogni caso, Greenpeace spiega:

L’iniziativa è alla portata di tutti, basta avere un telefono cellulare su cui sia installata l’applicazione Whatsapp e, una volta ritrovato un rifiuto in plastica sulle spiagge, sui fondali o sulla superficie dei mari italiani, segnalarlo al numero di Greenpeace +39 342 3711267 tramite l’applicazione. Per effettuare una segnalazione sarà necessario scattare una foto del rifiuto e, se possibile, fare in modo che sia riconoscibile il marchio e il tipo di plastica di cui è costituito. Successivamente va inviata a Greenpeace, insieme alle coordinate geografiche del luogo dove è stato individuato il rifiuto. Ogni segnalazione viene elaborata da Greenpeace e i dati relativi a tipo di rifiuto e posizione saranno disponibili in forma aggregata – nell’arco di 24-48 ore – sul sito plasticradar.greenpeace.it

Esiste, dunque, una sezione ufficiale dell’iniziativa sul sito di Greenpeace (a questo indirizzo), con un video promozionale:

Iniziativa e numero di telefono, dunque, corrispondono al vero e questa volta una Catena di Sant’Antonio dice cose vere. Greenpeace ha lanciato la campagna Plastic Radar per combattere l’abbandono di rifiuti di plastica nelle spiagge.

 

L’articolo NOTIZIA VERA E PRECISAZIONI Greenpeace ha attivato il servizio Plastic Radar sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

BUFALA DISINFORMAZIONE Questo è un nido di zecche! Dovete bruciarle immediatamente! – bufale.net

Ci sono alcuni tipi di bufala che nascono senza malizia, ma non sono meno pericolosi. Piaga tipicamente Italica, ma come vedremo sparsa anche oltre confine, è il ghe pensi mì da Giovane Marmotta tipica del lettore frettoloso, che sovente si sente un vero e proprio Superman in grado di affrontare tutti i problemi della vita comune e sconfiggerli col suo supremo ingegno.

E, sovente, fallendo in modo grottesco.

Avevamo già visto in passato come il Giovane Marmottismo all’Italiana aveva portato, in passato, il popolo della Rete in festa a convincersi che congelare l’olio esausto e buttarlo nell’immondizia comune in bottiglie e barattoli contenenti “ghiaccioli di olio” sarebbe stata un’eccellente alternativa al portarlo al Centro Raccolta Olii esausti, ignorando che l’olio, sciogliendosi, avrebbe comunque inquinato e contaminato allo stesso modo di gettarlo nell’immondizia comune o negli scarichi.

Adesso le aspiranti Giovani Marmotte hanno colpito ancora, e ci regalano questo grottesco consiglio:

AVVISO IMPORTANTE: se vedete questo genere di cose, questo è un nido di zecca. Ce ne sono sempre di più e questo minaccia la vita di diversi animali nella foresta! Dovete bruciarle immediatamente! Condividi queste informazioni per il bene del nostro ambiente!

Si tratta di un testo di origine francese, del 2016, che recentemente ha avuto fortuna da noi toccando le sensibili corde del Marmottismo.

Perché disinformazione? Effettivamente, trattasi di un nido di zecche, non ci piove. Esistono versioni della bufala dove il nido di zecche viene sostituito da foto di funghi mucillaginosi, ma non questa. Quello è, effettivamante, un nido di zecche.

Perché bufala? Ovviamente ora mi tocca farvi una domanda: secondo voi è più pericoloso per l’ambiente un nido di zecche, o una aspirante Giovane Marmotta che, col suo cappellino da Gran Mogol, dopo aver letto un post su Facebook, decide di andare in giro per i boschi armato di accendino e benzina a dare fuoco a nidi di zecche, localizzati in cespugli, alberi e tra i nidi di uccello, tutto questo materiale estremamente infiammabile?

Ovviamente, il consiglio di girare per i boschi armati col necessario per dare fuoco a qualsiasi cosa è una bufala, ed anche una delle più pericolose: chi si imbatte in nidi di zecca dovrà, con la massima attenzione e cautela, allertare la ASL di riferimento o altro ente preposto, lasciando che della cosa si occupi un professionista, anziché rischiare di ardere un intero bosco.

L’articolo BUFALA DISINFORMAZIONE Questo è un nido di zecche! Dovete bruciarle immediatamente! – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

ALLARMISMO DISINFORMAZIONE Pioggia di sabbia magnetica in Italia – bufale.net

Avrete senz’altro visto questo video su Facebook, nonché questo ed altre decine, anzi dozzine e valanghe di video ed immagini ispirati, anche, va sottolineato, in perfetta buona fede.

In tutti questi filmati si assiste ad un fenomeno che lascia sconvolte le persone che l’hanno visionato: dopo una forte pioggia le persone raccolgono dei campioni di sabbia, trasportata dal vento durante il fortunale e depositatasi sulle macchine, e ci passano sopra una calamita.

La calamita attrae la sabbia, e da questo si deduce la presenza di metalli, scie chimiche o altre sostanze sconosciute.

Metalli? Certo che ci sono.

È un mistero che vi siano? Non lo è: è scienza. E la scienza è bella per chi ne conosce il segreto.

Guardiamo tutti assieme questo altro video

Un esperimento interessante è recarsi in una spiaggia dove la sabbia è particolarmente scura e, giocando con una calamita, notare che la stessa attrae inesorabilmente della sabbia.

È normale, è naturale: la sabbia più scura deve la sua pigmentazione alla presenza di magnetite, un minerale ferroso presente anche da noi in Italia, con elevate qualità magnetiche. La spiegazione, come ci ricorda VICE, è quindi semplicissima:

Per capire un po’ meglio—senza tirare in ballo supercomplotti globali—ho sentito Giulio Caroletti, fisico dell’atmosfera e climatologo. La sua premessa è che “pioggia (e neve) di sabbia e fango sono fenomeni non solo ben noti e studiati dagli scienziati, ma che abbiamo dimenticato e crediamo oggi che siano novità odierne.”

Detto ciò, continua, “bisogna considerare che il vento trasporta continuamente durante l’anno sabbia dal Sahara (e in particolare dalle regioni desertiche del Ciad) anche a distanze enormi. Le stime parlano di centinaia e centinaia di milioni di tonnellate di polvere desertica asportata dal suolo ogni anno e depositata fino all’Amazzonia o alla Scandinavia.”

La presenza della sabbia in questi giorni si spiega per due ragioni molto semplici. “La prima è che, quando piove, le gocce di pioggia possono colpire e trasportare al suolo la sabbia,” mi dice Giulio. “La seconda è che le gocce di pioggia stessa non potrebbero formarsi senza la presenza di impurità nell’atmosfera. Se non è sabbia, pertanto, sono sempre altre cose come particelle inquinanti, sale trasportato dal mare o polvere attorno alle quali si formano le gocce.” Quindi, per ricapitolare: “sabbia dal deserto + aria umida = aumento della pioggia, che porta con sé molta sabbia al suolo.”

E per quanto riguarda il magnete? Anche in questo caso, non c’è nulla di eclatante o misterioso. Da un lato, nella sabbia può comunque esserci una percentuale di ferro; dall’altro c’è da notare che le macchine tirano su davvero di tutto, figurarsi in città come Milano. Tra l’altro, pure se prendessimo per buona la teoria degli “aerosol” di bario, la cosa non tornerebbe comunque: “il bario è una sostanza paramagnetica,” spiega Giulio, “e quindi dubito che una debole calamita la attirerebbe.”

Quindi riassumendo: la pioggia, per ricadere, ha bisogno di impurità nell’atmosfera: sia questa sabbia, salsedine o inquinamento.

Da sempre in Italia la pioggia tende ad aggregarsi alla sabbia, difatti è sempre sconsigliato lavare le automobili quando si sta che sta per piovere: raramente una pioggia copiosa le lascerà più pulite di un lavaggio.

La sabbia, per sua natura, può contenere tracce di magnetite, il minerale dalle proprietà magnetiche più elevate. Tracce che solitamente passano inosservate, ma, curiosamente, una teoria del complotto molto in voga, la teoria delle Chemtrails, prevede che le scie chimiche contengano non meglio precisati metalli pesanti, come ad esempio il bario.

Bario che, ricordiamo, è una sostanza paramagnetica, e quindi non sarebbe attratta da una calamita.

Invece la magnetite lo è: per questo si è diffuso allarmismo che ha spinto diversi individui, in assoluta buona fede, a provare un esperimento di scienza divertente e di facile portata, ma traendone una conclusione allarmistica ed erronea.

Nessun mistero, nessun inquinamento alieno, nessuna scia chimica, nessun complotto dei governi: rassicuriamo tutti coloro che ci hanno inviato filmati e test “in loco” di quanto da loro riscoperto.

La sabbia può contenere magnetite: e questo è quanto.

L’articolo ALLARMISMO DISINFORMAZIONE Pioggia di sabbia magnetica in Italia – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

ALLARMISMO DISINFORMAZIONE Pioggia di sabbia magnetica in Italia – bufale.net

Avrete senz’altro visto questo video su Facebook, nonché questo ed altre decine, anzi dozzine e valanghe di video ed immagini ispirati, anche, va sottolineato, in perfetta buona fede.

In tutti questi filmati si assiste ad un fenomeno che lascia sconvolte le persone che l’hanno visionato: dopo una forte pioggia le persone raccolgono dei campioni di sabbia, trasportata dal vento durante il fortunale e depositatasi sulle macchine, e ci passano sopra una calamita.

La calamita attrae la sabbia, e da questo si deduce la presenza di metalli, scie chimiche o altre sostanze sconosciute.

Metalli? Certo che ci sono.

È un mistero che vi siano? Non lo è: è scienza. E la scienza è bella per chi ne conosce il segreto.

Guardiamo tutti assieme questo altro video

Un esperimento interessante è recarsi in una spiaggia dove la sabbia è particolarmente scura e, giocando con una calamita, notare che la stessa attrae inesorabilmente della sabbia.

È normale, è naturale: la sabbia più scura deve la sua pigmentazione alla presenza di magnetite, un minerale ferroso presente anche da noi in Italia, con elevate qualità magnetiche. La spiegazione, come ci ricorda VICE, è quindi semplicissima:

Per capire un po’ meglio—senza tirare in ballo supercomplotti globali—ho sentito Giulio Caroletti, fisico dell’atmosfera e climatologo. La sua premessa è che “pioggia (e neve) di sabbia e fango sono fenomeni non solo ben noti e studiati dagli scienziati, ma che abbiamo dimenticato e crediamo oggi che siano novità odierne.”

Detto ciò, continua, “bisogna considerare che il vento trasporta continuamente durante l’anno sabbia dal Sahara (e in particolare dalle regioni desertiche del Ciad) anche a distanze enormi. Le stime parlano di centinaia e centinaia di milioni di tonnellate di polvere desertica asportata dal suolo ogni anno e depositata fino all’Amazzonia o alla Scandinavia.”

La presenza della sabbia in questi giorni si spiega per due ragioni molto semplici. “La prima è che, quando piove, le gocce di pioggia possono colpire e trasportare al suolo la sabbia,” mi dice Giulio. “La seconda è che le gocce di pioggia stessa non potrebbero formarsi senza la presenza di impurità nell’atmosfera. Se non è sabbia, pertanto, sono sempre altre cose come particelle inquinanti, sale trasportato dal mare o polvere attorno alle quali si formano le gocce.” Quindi, per ricapitolare: “sabbia dal deserto + aria umida = aumento della pioggia, che porta con sé molta sabbia al suolo.”

E per quanto riguarda il magnete? Anche in questo caso, non c’è nulla di eclatante o misterioso. Da un lato, nella sabbia può comunque esserci una percentuale di ferro; dall’altro c’è da notare che le macchine tirano su davvero di tutto, figurarsi in città come Milano. Tra l’altro, pure se prendessimo per buona la teoria degli “aerosol” di bario, la cosa non tornerebbe comunque: “il bario è una sostanza paramagnetica,” spiega Giulio, “e quindi dubito che una debole calamita la attirerebbe.”

Quindi riassumendo: la pioggia, per ricadere, ha bisogno di impurità nell’atmosfera: sia questa sabbia, salsedine o inquinamento.

Da sempre in Italia la pioggia tende ad aggregarsi alla sabbia, difatti è sempre sconsigliato lavare le automobili quando si sta che sta per piovere: raramente una pioggia copiosa le lascerà più pulite di un lavaggio.

La sabbia, per sua natura, può contenere tracce di magnetite, il minerale dalle proprietà magnetiche più elevate. Tracce che solitamente passano inosservate, ma, curiosamente, una teoria del complotto molto in voga, la teoria delle Chemtrails, prevede che le scie chimiche contengano non meglio precisati metalli pesanti, come ad esempio il bario.

Bario che, ricordiamo, è una sostanza paramagnetica, e quindi non sarebbe attratta da una calamita.

Invece la magnetite lo è: per questo si è diffuso allarmismo che ha spinto diversi individui, in assoluta buona fede, a provare un esperimento di scienza divertente e di facile portata, ma traendone una conclusione allarmistica ed erronea.

Nessun mistero, nessun inquinamento alieno, nessuna scia chimica, nessun complotto dei governi: rassicuriamo tutti coloro che ci hanno inviato filmati e test “in loco” di quanto da loro riscoperto.

La sabbia può contenere magnetite: e questo è quanto.

L’articolo ALLARMISMO DISINFORMAZIONE Pioggia di sabbia magnetica in Italia – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

ALLARMISMO DISINFORMAZIONE Pioggia di sabbia magnetica in Italia – bufale.net

Avrete senz’altro visto questo video su Facebook, nonché questo ed altre decine, anzi dozzine e valanghe di video ed immagini ispirati, anche, va sottolineato, in perfetta buona fede.

In tutti questi filmati si assiste ad un fenomeno che lascia sconvolte le persone che l’hanno visionato: dopo una forte pioggia le persone raccolgono dei campioni di sabbia, trasportata dal vento durante il fortunale e depositatasi sulle macchine, e ci passano sopra una calamita.

La calamita attrae la sabbia, e da questo si deduce la presenza di metalli, scie chimiche o altre sostanze sconosciute.

Metalli? Certo che ci sono.

È un mistero che vi siano? Non lo è: è scienza. E la scienza è bella per chi ne conosce il segreto.

Guardiamo tutti assieme questo altro video

Un esperimento interessante è recarsi in una spiaggia dove la sabbia è particolarmente scura e, giocando con una calamita, notare che la stessa attrae inesorabilmente della sabbia.

È normale, è naturale: la sabbia più scura deve la sua pigmentazione alla presenza di magnetite, un minerale ferroso presente anche da noi in Italia, con elevate qualità magnetiche. La spiegazione, come ci ricorda VICE, è quindi semplicissima:

Per capire un po’ meglio—senza tirare in ballo supercomplotti globali—ho sentito Giulio Caroletti, fisico dell’atmosfera e climatologo. La sua premessa è che “pioggia (e neve) di sabbia e fango sono fenomeni non solo ben noti e studiati dagli scienziati, ma che abbiamo dimenticato e crediamo oggi che siano novità odierne.”

Detto ciò, continua, “bisogna considerare che il vento trasporta continuamente durante l’anno sabbia dal Sahara (e in particolare dalle regioni desertiche del Ciad) anche a distanze enormi. Le stime parlano di centinaia e centinaia di milioni di tonnellate di polvere desertica asportata dal suolo ogni anno e depositata fino all’Amazzonia o alla Scandinavia.”

La presenza della sabbia in questi giorni si spiega per due ragioni molto semplici. “La prima è che, quando piove, le gocce di pioggia possono colpire e trasportare al suolo la sabbia,” mi dice Giulio. “La seconda è che le gocce di pioggia stessa non potrebbero formarsi senza la presenza di impurità nell’atmosfera. Se non è sabbia, pertanto, sono sempre altre cose come particelle inquinanti, sale trasportato dal mare o polvere attorno alle quali si formano le gocce.” Quindi, per ricapitolare: “sabbia dal deserto + aria umida = aumento della pioggia, che porta con sé molta sabbia al suolo.”

E per quanto riguarda il magnete? Anche in questo caso, non c’è nulla di eclatante o misterioso. Da un lato, nella sabbia può comunque esserci una percentuale di ferro; dall’altro c’è da notare che le macchine tirano su davvero di tutto, figurarsi in città come Milano. Tra l’altro, pure se prendessimo per buona la teoria degli “aerosol” di bario, la cosa non tornerebbe comunque: “il bario è una sostanza paramagnetica,” spiega Giulio, “e quindi dubito che una debole calamita la attirerebbe.”

Quindi riassumendo: la pioggia, per ricadere, ha bisogno di impurità nell’atmosfera: sia questa sabbia, salsedine o inquinamento.

Da sempre in Italia la pioggia tende ad aggregarsi alla sabbia, difatti è sempre sconsigliato lavare le automobili quando si sta che sta per piovere: raramente una pioggia copiosa le lascerà più pulite di un lavaggio.

La sabbia, per sua natura, può contenere tracce di magnetite, il minerale dalle proprietà magnetiche più elevate. Tracce che solitamente passano inosservate, ma, curiosamente, una teoria del complotto molto in voga, la teoria delle Chemtrails, prevede che le scie chimiche contengano non meglio precisati metalli pesanti, come ad esempio il bario.

Bario che, ricordiamo, è una sostanza paramagnetica, e quindi non sarebbe attratta da una calamita.

Invece la magnetite lo è: per questo si è diffuso allarmismo che ha spinto diversi individui, in assoluta buona fede, a provare un esperimento di scienza divertente e di facile portata, ma traendone una conclusione allarmistica ed erronea.

Nessun mistero, nessun inquinamento alieno, nessuna scia chimica, nessun complotto dei governi: rassicuriamo tutti coloro che ci hanno inviato filmati e test “in loco” di quanto da loro riscoperto.

La sabbia può contenere magnetite: e questo è quanto.

L’articolo ALLARMISMO DISINFORMAZIONE Pioggia di sabbia magnetica in Italia – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

ALLARMISMO Terremoti, la profezia: il 28 aprile un sisma distruggerà una città italiana – bufale.net

Avrete anche voi letto la terribile notizia: una nota veggente e profetessa brasiliana, dall’alto di un canale YouTube che preferiamo non citare in questo articolo allo scopo di evitare visualizzazioni, ma che senz’altro avete visto, ha dichiarato di essere a conoscenza di un grave sisma che il 28 Aprile, per motivi ignoti, raderà al suolo la città di Pozzuoli.

Blastingnews ha già riportato l’occorso, rilevando tutti i punti chiave della vicenda

La veggente si autoproclama “pastora brasiliana” nonostante sia approdata sui social network e anche sullo stesso canale di Youtube nelle vesti di compositrice e cantante. Ma nonostante questa sua “altra professione” afferma con convinzione di essere la portatrice di queste rivelazioni davvero inquietanti, datele dal Signore, secondo le quali “nella data del 28 aprile, ultimo sabato di questo mese, si verificherà un #Terremoto talmente violento da portare alla distruzione di tre metropoli”. La profetessa inoltre afferma di avere la sicurezza che una di queste sia proprio Pozzuoli.

Nonché facendo correttamente presente eventuali profili di questa vicenda

Il quesito che il mondo del web si pone è come mai questa brasiliana abbia scelto proprio la città italiana come protagonista di tale sciagura. Le sue affermazioni inoltre potrebbero anche diventare reato per procurato allarme. Che abbia scelto la città puteolana poiché sono noti i forti rischi sismici in cui incorre la zona? Potrebbe essersi trattato quindi di un semplice azzardo per ricevere notorietà e visibilità sui social? ma perché quindi far succedere tutto in una data così vicina e non prolungare il suo “momento di gloria”? Fatto sta che in qualsiasi caso la Chiesa dovrebbe pronunciarsi su tali profezie che vere o no sono diventate ben presto virali

Non abbiamo la risposta a tutte queste domande, ma alle domande principali sì.

Innanzitutto possiamo rassicurare gli abitanti di Pozzuoli: ad oggi è impossibile prevedere un terremoto con l’accuratezza che il video su YouTube, novello oracolo cumano, lascerebbe presagire.

Prevedere un terremoto significa invece “sapere in anticipo che nella zona x (per esempio una città) ci sarà un terremoto il giorno y, all’ora z di intensità A” cosicché la gente possa scappare all’aperto in tempo a salvarsi. Allo stato attuale delle conoscenze non e’ possibile prevedere un terremoto . Se invece intendiamo per previsione una previsione probabilistica, basata sullo studio di una certa area (studio della sismicità storica, recente, studio sismotettonico e geologico, ecc.) possiamo arrivare a “prevedere” per quell’area l’intensità massima e la frequenza dei terremoti che possiamo attenderci e quindi definire la pericolosità sismica dell’area stessa.

È quindi corretta un’analisi statistica che dichiari che una determinata zona è zona sismica, ovvero soggetta a terremoti che potrebbero colpire senza preavviso, raccomandando quindi rafforzate accortezze (edilizia antisismica, la predisposizione da parte della cittadinanza di kit di salvataggio permanentemente stivati in casa…) ma è erroneo ed allarmistico dichiarare di poter individuare una data in particolare.

L’esempio cardinale è il famigerato Big One californiano: tutti sanno che, prima o poi, la California sarà interessata da un forte terremoto potenzialmente in grado di devastare la città di San Francisco e tutte le località site lungo la Faglia di S. Andreas, tutti i cittadini sono pronti ad un’eventuale evacuazione il più rapida possibile, si continua a fare ricerche, prelevare campioni minerali e costruire in modo antisismico studiando il fenomeno, ma nessuno può dire se e quando vi sarà quel terremoto.

L’area di Pozzuoli è effettivamente sismica. È probabile che prima o poi un terremoto potrebbe esserci. Ma non possiamo dichiarare, non avendone gli strumenti, quanto sarà forte e quando accadrà.

Al contrario, dei profili relativi al procurato allarme vi abbiamo già parlato in passato.

Potete quindi evitare di condividere questa ed altre profezie, rassicurando i vostri amici particolarmente inclini alla credulità.

L’articolo ALLARMISMO Terremoti, la profezia: il 28 aprile un sisma distruggerà una città italiana – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

PESCE D’APRILE I pinguini sull’isola di rifiuti – bufale.net

Avrete visto anche voi in questi giorni il filmato distribuito dal WWF

Il video, assai breve, contiene spezzoni ritratti da una nave che, avvicinatasi ad un’isola di rifiuti plastici in mare, rileva l’esistenza di una intera colonia di pinguini, costretti dall’inquinamento a vivere in condizioni assai disagevoli.

Un filmato triste, preoccupante… ma un falso. Un tardivo pesce d’Aprile, voluto da WWF per sensibilizzare sul tema dell’inquinamento

Fortunatamente, la nostra scoperta di pinguini sull’isola fatta di plastica è solo un pesce d’aprile.
Tutti i pinguini filmati stanno bene e continuano a vivere felici nella loro isola di ghiaccio. È solo un montaggio di foto, ma viviamo in un mondo in cui tali pericoli, a causa dell’inquinamento da plastica, potrebbero diventare davvero reali.

Recita l’apposita pagina sul sito del WWF, che continua sciorinando i dati su cui avrebbe voluto attirare attenzione

La plastica in mare non è una fake-news! Il 70% del nostro Pianeta è ricoperto dall’acqua: ma oggi, in ogni chilometro quadrato del mare, troviamo migliaia e migliaia di pezzi di plastica.

Gli uccelli marini muoiono in modo atroce, a causa dei pezzi di microplastiche che ingoiano e che finiscono nello stomaco. Le tartarughe marine scambiano i sacchetti di plastica per pesci o meduse e muoiono soffocate, mentre i pezzetti più piccoli vengono scambiati per plancton. Tre quarti della spazzatura che si trova in mare è plastica.
La plastica in mare è un problema serio e ogni anno costa la vita a migliaia di animali. Ma la plastica che può mettere in pericolo anche la vita degli esseri umani, poiché ci mette dai 350 ai 400 anni a disintegrarsi.

Come conferma TPI News, un simile esperimento sociale non si ripeterà: un pesce d’Aprile è efficace una volta sola, poi mai più.

Ma WWF continuerà ad affrontare il problema sollevato con una celia.

L’articolo PESCE D’APRILE I pinguini sull’isola di rifiuti – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

NOTIZIA VERA PRECISAZIONI Il giardino in bottiglia di Latimer che cresce senz’acqua dal 1960 – bufale.net

Ci segnalano i nostri contatti una notizia che gira per la blogosfera da anni ormai, molto adatta al periodo pasquale proprio perché, domani, questa storia compirà esattamente 58 anni:

Quando David Latimer piantò un seme in una bottiglia di vetro la Domenica di Pasqua del 1960 non aveva idea che avrebbe prosperato per i decenni successivi arrivando a diventare una massa di vegetazione delle (incredibili) dimensioni attuali. Oggi, più di mezzo secolo più tardi, all’interno della bottiglia la vegetazione sta crescendo con più forza che mai, nonostante l’ultima volta che sia stata innaffiata risale ormai al lontano 1972.

Il giardino fu creato grazie all’inserimento di compost all’interno della bottiglia, che venne poi seminato con della Tradescantia e innaffiata con circa mezzo litro d’acqua, e posizionato poi in un angolo della casa sotto la luce diretta del sole. La particolarità è che la damigiana fu innaffiata una sola volta nel 1972, e da allora è in regime di completo auto-sostentamento. Grazie alla fotosintesi le piante acquistano l’energia sufficiente per crescere e prosperare, grazie all’ossigeno e all’umidità che vengono creati e consumati durante il processo. L’umidità si accumula all’interno della bottiglia e fa in modo che si crei una specie di pioggia naturale dalla parte superiore a quelle inferiore.

Le foglie che muoiono producono l’anidride carbonica necessaria alla fotosintesi e alla nutrizione delle piante appena nate. Latimer, che oggi ha 82 anni, spera di trasmettere questa passione ai propri figli, in modo che veglino su questo piccolo globo in miniatura, probabilmente uno degli organismi viventi più unici e rari al mondo!

E la notizia è vera, anche se delle precisazioni sono necessarie.

Inannzitutto, ad oggi non abbiamo una vera e propria spiegazione del come il giardino di Latimer funzioni esattamente.

Secondo il consenso comune, come riportato dai fact checkers di Now I Know, semplicemente il sistema ricicla un numero ingente delle proprie risorse: la fotosintesi trasforma l’anidride carbonica in ossigeno e consente alla vegetazione di crescere, la vegetazione morta marcendo rilascia anidride carbonica ed umidità la quale ritorna nell’ambiente e così via.

Ci sono una serie di dubbi sul funzionamento dell’intera operazione, e sul fatto che, semplicemente, la quantità di aria e nutrienti all’interno del vaso dovrebbe essere troppo limitata.

Contando che un vero e proprio test non potrebbe che essere distruttivo, ci sono però una serie di fattori che vanno notati e che spiegano la persistenza del giardino.

In primo luogo, non stiamo parlando di un vero e proprio sistema eterogeneo, ma di una palla di erba miseria.

L’erba miseria è una pianta ornamentale assai particolare, erbacea, solitamente dotata di piccoli fiori poco appariscenti, che deriva il suo nome da una serie di possibili spiegazioni coincidenti: ha un aspetto mesto e ricadente, quasi triste e “depresso”, si dice che porti sciagura a chi la possiede e, infine e cosa assai più rilevante, ha bisogno di molte poche risorse per essere coltivata, il che la rende in natura una pianta infestante difficile da sdradicare e nelle varianti decorative il tipico esempio di piantina poco impegnativa che annaffi quando ti capita e non muore, ed anzi è raccomandato nei periodi freddi ed invernali coltivare la propria erba miseria in condizioni di siccità quasi assoluta.

Ovviamente, l’erba miseria nel giardino di Latimer versa in condizioni particolarmente miserabili (vogliate perdonarci il gioco di parole): non vi sono infiorescenze neppure nelle foto più recenti, e non vi sono da anni, a giudicare i vari reperti fotografici succedutisi nel tempo.

Inoltre nessuno ha mai detto che l’erba miseria di Latimer sia destinata all’eternità: nel 1972 l’acqua nel piccolo ecosistema è stata rabboccata, e non sappiamo se nei prossimi anni richiederà altra manutenzione.

Infine, l’unico argine tra l’Erba Miseria di Latimer e l’atmosfera ricca dei gas necessari a prolungare la sua vita è un turacciolo (con una logora copertura plastica in cima) ben ingrassato: riteniamo assai improbabile che dopo 58 anni sia rimasto abbastanza grasso sul turacciolo da renderlo impermeabile, ammesso che lo sia mai stato.

L’Erba Miseria di Latimer non è del tutto indipendente dall’ambiente esterno: riceve luce solare dall’esterno, un moderato ricambio d’aria attraverso il turacciolo, e la temperatura dell’ecosistema è controllata, sia pur in modo molto “artigianale”

Latimer infatti tiene il suo piccolo ecosistema nel sottoscala dedicato alle bottiglie di vino, la cui temperatura ideale di conservazione si aggira tra i 12 ed i 14 gradi centigradi, cosa che, come abbiamo visto, riduce il bisogno di cure dell’Erba Miseria.

Questo basta a spiegare la persistenza del “giardino”, anche se, come ricordato dallo stesso Latimer e da altri commentatori, siamo di fronte ad un esperimento che non può essere nè toccato né annusato, noioso, che si può solo osservare per capire come andrà a finire.

Molti commentatori hanno assimilato l’esperimento di Latimer agli studi della NASA sull’uso delle piante in ambienti ecosostenibili ed ecosistemi chiusi come quelli della ricerca spaziale, ma l’elevato numero di incognite rende il tutto più una curiosità.

Alla morte di Latimer, quando il giardino, se non reclamato dagli eredi, diventerà possesso della Regale Società Inglese per l’Orticoltura potremmo avere nuovi dettagli sul Giardino di Latimer.

Per ora possiamo solo aspettare gli inevitabili aggiornamenti annuali.

L’articolo NOTIZIA VERA PRECISAZIONI Il giardino in bottiglia di Latimer che cresce senz’acqua dal 1960 – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.