DISINFORMAZIONE Donna ingravidata da un calamaro

È mai possibile che una donna rimanga incinta dopo aver mangiato dei calamari? Sono ormai diversi anni che sul web girano dei titoli veramente esagerati, second cui una donna in Corea del Sud sarebbe rimasta ingravidata tramite via orale dopo aver consumato un calamaro.

Si tratta di una notizia perlopiù falsa. Cerchiamo di capire meglio i fatti. La parte vera: una donna ha subito diverse punture dolorose dopo aver mangiato una busta di spermatozoo

Una disavventura che è stata trasformata in una storia sensazionale.

Un articolo che è stato pubblicato da The Sun nel 2012 sosteneva come una donna fosse rimasta incinta di 12 piccoli calamari.  Proprio per rimanere al passo, anche il The Mirror pubblicò un articolo secondo cui la donna sudcoreana era diventata incinta di calamari, avvisando tutti i lettori di prestare la massima attenzione a mettere in bocca i frutti di mare.

Con il passare degli anni, le fandonie su questa presunta storia sono aumentate a dismisura: tra le altre, anche quella della pagina Facebook Nameless.tv all’interno di un episodio di Weird Wild World.

In realtà tutto si riferisce ad una storia pubblicata su Pathology International nel settembre 2011. Una donna sudcoreana di 63 anni ha mangiato un sacchetto di sperma mentre stava consumando del calamaro crudo. In realtà non c’è stata nessuna gravidanza e non è nato nessun piccolo calamaro. La sfortunata donna, in poche parole, ha dovuto subire la rimozione degli spermatofori di calamaro. In poche parole, hanno estratto una capsula in cui era presente sperma di calamaro dalla bocca di questa donna. Per varie ragioni scientifiche, tali spermatozoi non si sono sviluppati in piccoli calamari.

In realtà, nonostante la storia sia particolarmente strana, ci sono dei precedenti, documentati da varie ricerche mediche, come questo rapporto del 2012 pubblicato su Zoomorphology.

L’articolo DISINFORMAZIONE Donna ingravidata da un calamaro sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.