PRECISAZIONI Amazon Alexa: casa automatizzata, ma terrore per una risata misteriosa

Il dispositivo Alexa di Amazon è stato molto pubblicizzato dal sito di e-commerce e si spera in una distribuzione a breve anche per l’Italia. Si tratta di un dispositivo che permette, attraverso il collegamento alla rete wi-fi, di aiutare il proprietario di casa a gestitre i suoi “elettrodomestici intelligenti”. Parliamo di domotica e della possibilità di avere un assistente al quale possiamo dare dei comandi in tutta sicurezza.

Alexa è in realtà un sistema di casse che è disponibile anche in due versioni, ma che secondo ciò che si dice ha un piccolo difetto che ha spaventato a morte alcuni padroni di casa. Pare che improvvisamente parta dalle casse una risata misteriosa ed alquanto inquietante. 

Come ci chiarisce Snopes, la notizia ha del vero, nel senso che sappiamo essere una funzione esistente e sappiamo che i fatti sono veri, ma allo stesso tempo non sappiamo per quanti utenti si sia ripetuto questo fatto. Tutto parte da un video pubblicato su Twitter della presunta “risata da brividi” di Alexa.

 

Così si è iniziata a diffondere la notizia che le casse Alexa ridano senza alcun motivo e che Amazon non abbia saputo dare una spiegazione. Gli outlet tecnologici e altri siti hanno fatto riferimento a una dichiarazione di Amazon, ma non hanno citato la risposta per intero, rendendo difficile sapere con precisione cosa abbia detto il rivenditore in merito al problema. Da Amazon, infatti, era stato detto che stavano facendo chiarezza sul problema ma anche che avevano riscontrato in rare occasioni che le casse Echo capivano il comando “Alexa, ridi” quando si tentava di dare ordine di accendere le luci. Si potrebbe anche trattare di alcuni rumori che sono sentiti dal dispositivo e vengono rielaborati  come comando a “ridere”. Di certo nulla che da Amazon non possano risolvere.

L’articolo PRECISAZIONI Amazon Alexa: casa automatizzata, ma terrore per una risata misteriosa sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.