PRECISAZIONI Villaggio Deltaplano, l’ecomostro di Castelluccio di Norcia

Un articolo pubblicato il 25 luglio 2017 è reso ancora attuale per la polemica in merito ai lavori per la costruzione del Deltaplano, un complesso definito centro commerciale o ecomostro da alcune testate, che sorgerà a Castelluccio di Norcia per far ripartire le attività commerciali interrotte tragicamente dal terremoto che colpì il Centro Italia il 24 agosto 2016:

Villaggio Deltaplano, l’ecomostro di Castelluccio di Norcia 

Le parole contrarie sul “diritto al dissenso” verso uno dei peggiori e misconosciuti scempi ambientali, oggi offesa per tutta Italia.

Se non lo facessi, se per convenienza tacessi, badando ai fatti miei, mi si strozzerebbero le parole in bocca. Per me, da cittadino militante e informato, la parola contraria non solo è un dovere, ma soprattutto un diritto (quando ne ricorrono i presupposti, come in questo caso). Ho, per il ruolo che ricopro,   il dovere di capire, di studiare, di approfondire, e poi ovviamente anche il dovere d’informare!

Parola contraria, è semplicemente dire le cose come stanno, diritto che si rafforza quando si è consapevoli del fatto, che oggi si è “sudditi di un potere” che in perfetta solitudine, decide del nostro futuro. Lo Stato, la Regione,  non è un’azienda che eroga servizi, è invece (o meglio dovrebbe essere), un luogo dei diritti.  Per evitare quindi che  il mio vocabolario si possa ammalare di reticenza, di autocensura,  esprimo in forma libera il mio pensiero, a beneficio di tutti.
A Castelluccio, la sua gente ora fuori dalle case dalle aziende a causa del terremoto, deve poter tornare prima possibile a vivere e a lavorare come finora ha fatto, in armonia con l’ambiente e la natura e dalla quale in maniera generosa ha tratto il suo benessere, il suo reddito.
Ed è anche per questi motivi che Castelluccio rappresenta un simbolo di interesse generale (non locale) non solo italiano ma è da sempre stata icona per il mondo intero, il percorso per la sua vera rinascita, esige quindi una partecipazione effettiva, la più ampia possibile, coinvolgendo tutti gli attori (e non solo alcuni, di tipo imprenditoriale e politico), ma anche le Associazioni ambientaliste per un reale confronto tra visioni, soluzioni e progetti (plurale), possibili, in luogo dello (stranamente) unico progetto segretamente calato dall’alto, imposto senza effettiva discussione e confronto partecipativo, per poi chiamarlo con vari artifici lessicali, …in 1000 modi diversi, che non cancellano però quel che è: un edificato, che occuperà una superficie di migliaia di metri quadrati, sotto il centro abitato di Castelluccio, nel versante che guarda il Pian Grande. 
In tale villaggio verrebbero delocalizzate  “transitoriamente” – e cioè per almeno 15- 20 anni, quanto durerà la ricostruzione – numerose attività produttive ed economiche tra cui dieci ristoranti, tre caseifici, otto negozi. Ciò comporterà un enorme sbancamento e, inevitabilmente, la realizzazione di un megaparcheggio in grado di accogliere migliaia di visitatori, con conseguente ulteriore consumo di suolo.
Il tutto realizzato in deroga alle norme di tutela, ignorando il Parco e la partecipazione democratica dovuta, per scelte di tale portata e impatto, che ipotecano il futuro dei territori. La ferita dell’ecomostro inferta dal “deltaplano” sarà visibile dal Monte Vettore, dal Pian Grande e dal Pian Piccolo, condizionerà e stravolgerà per sempre il paesaggio di Castelluccio, il suo “colpo d’occhio”, sottolineando ulteriormente l’ipocrisia della transitorietà.
Ed è su questo singolo aspetto, seppur non l’ultimo e nemmeno dei più gravi, che si basa il mio intervento per far comprendere l’inganno semantico e progettuale, usato disinvoltamente per dis-informare.
La permanenza del villaggio sarà “transitoria/temporanea”, …ma non sono fissati i limiti di tempo, per detta struttura “temporanea” sarà necessario quindi gettare delle fondazioni, eseguire opere di urbanizzazione, cementificare e impermeabilizzare suoli per la realizzazione di parcheggi a servizio delle attività, che furbescamente, non sono state al momento previste/visualizzate in progetto, …forse per non spaventare troppo. Ben sappiamo purtroppo che nulla è più stabile in Italia, che qualcosa di provvisorio.
“Transitoriamente” quindi,  se tutto andrà bene, il “villaggio” permarrà pertanto, come già detto,  per tutto il tempo della ricostruzione, almeno  15-20 anni, di più,  non sono stati accantonati e previsti i fondi necessari per la sua dismissione. Non sono state previste in progetto, le modalità e la tempistica di smantellamento, ne  per esso è stata prevista garanzia fideiussoria, che garantisca l’effettivo smantellamento delle opere cosiddette provvisorie.
Non è stato previsto, scritto nero su bianco, che non ci sarà la possibilità di derogare  al divieto di demolizione e ripristino dello stato dei luoghi. Ecco, questa garanzia scritta, sarebbe di per se sufficiente a vincere tutte le pregiudiziali, …peccato non stia scritta da nessuna parte. Questo sarebbe stato un serio vincolo garantista verso la collettività tutta, sia regionale che extra-nazionale senza ipotecare/compromettere la bellezza dei nostri territori, altrimenti ci verrebbe da pensare in maniera maliziosa, che qualcuno con la scusa del terremoto, vuol realizzare attività commerciali permanenti, affacciate sulla vallata più bella del mondo. Il WWF, da sempre condanna tutti i crimini e gli scempi perpetrati da chiunque, proprio perché si capisca la differenza tra l’ambientalismo di servizio e quello di potere. Il WWF non poteva tenersi in disparte a riflettere, questo non ci era possibile per una serie di fatti che coinvolgono le nostre sensibilità e responsabilità.
Amare il proprio territorio significa conoscerlo, difenderlo, magari anche con una buona dose di ingenuità forse, ma con tanta decisione, desideriamo proteggere la bellezza, il futuro.
Ci lanciamo in questa lotta in modo convinto, comunque appassionato, anche rischiando  di essere il “Don Chisciotte” della causa, perché l’illusione, il sogno, la bellezza non debba morire. Noi non possediamo la proprietà del bene, ma abbiamo comunque il dovere morale di richiamare a questa necessità, il cittadino, lo spettatore, il turista, sperando con il loro aiuto, con la loro forza di respirare la rinascita.
Questo è il momento di fare la scelta giusta (per sempre),  che è cosa ben diversa dal fare la scelta più conveniente al momento. A queste condizioni, questo progetto era e rimane inaccettabile, in quanto l’incompatibilità ambientale non è un problema aggirabile, ma un dato di fatto, tenuto conto della bellezza del sito e delle sue valenze paesaggistico-ambientali. Idee diverse, progetti diversi sono possibili, per raggiungere lo stesso obbiettivo.
Perché si è operato in maniera tartufesca!??
L’opera, nata da un progetto di Federico Chellini, «sorgerà su una superficie coperta di circa 1.500 metri quadri, su un totale di 6.500 metri quadri acquisiti. Le volumetrie sono state ridotte di recente dopo gli interventi fortemente critici delle associazioni ambientaliste». Alle voci circa una struttura in cemento – dunque apparentemente non provvisoria – aveva risposto alla redazione di Perugia Today Catiuscia Marini, Presidente della Regione Umbria, dichiarando che il Deltaplano sorgerà in una cava dismessa e non nella Piana. Il progetto era stato «illustrato dai progettisti, alla presenza anche del sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, degli stessi operatori economici di Castelluccio, di rappresentanti delle associazioni di categoria, della Pro Loco e dei cittadini».
Il 2 maggio 2018 l’Umbria Journal ha riportato le dichiarazioni degli addetti ai lavori, che chiedono di fermare ogni illazione e ogni fake-news in merito alla costruzione del Deltaplano:
Non si tratta di un “ecomostro”, come lo chiamano chi non conosce i fatti e chi vuole fare solo terrorismo con le parole. Non sarà un centro commerciale, nessuno ha mai detto questo. Sarà, una volta terminata, un bellissima struttura che non deturperà il paesaggio, anzi sarà fatta talmente bene che non distruggerà le bellezze del paesaggio, più di quanto abbia fatto il terremoto. Il deltaplano, come si vede dalla foto, sarà costruito nei pressi di una piccola cava, proprio all’inizio della piana e sarà poi ricoperto di erba.
Ancora:
In poche parole i Castellucciani questa delocalizzazione delle attività commerciali la vogliono e si stanno impegnando vigilando, affinché venga portata a termine, perché è l’unica maniera per far rinascere Castelluccio con la sua agricoltura, l’economia e tutte le attività ristorative che esistevano prima del 24 agosto 2016. E’ da circa due anni che i commercianti di Castelluccio non lavorano.
Troviamo, inoltre, le dichiarazioni dell’assessore Giuseppina Perla:
Lo abbiamo detto fino dall’inizio che non si trattava di un centro commerciale, ma della delocalizzazione dei ristoranti e altre attività produttive distrutte dal sisma. Un conto è fare la delocalizzazione delle attività e un contro è fare un centro commerciale. La delocalizzazione rientra nella normativa, non stiamo facendo nulla contro la legge.
Nicola Alemanno, sindaco di Norcia, ha dichiarato all’agenzia Ansa che verranno prese azioni legali contro tutti i responsabili delle notizie false e della disinformazione in merito all’iniziativa del Deltaplano.
Parliamo di precisazioni, dunque, perché è sì in corso la costruzione di un unico polo in grado di ospitare le attività commerciali andate perdute a seguito del sisma, ma – secondo le parole del Sindaco, degli assessori e di tutti gli enti coinvolti – non sorgerà sulla Piana e non sarà un centro commerciale. Ancora, ribadiscono che si tratta di una struttura provvisoria, senza colate di cemento.

L’articolo PRECISAZIONI Villaggio Deltaplano, l’ecomostro di Castelluccio di Norcia sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.