BUFALA Catania. In cielo compare la croce di Gesù. La Foto che fa il giro del Mondo.

Ci segnalano l’ennesima versione di una vecchia bufala itinerante, pubblicata sul blog La Repubblica Italia il 25 marzo 2018:

Ci sono storie incredibili, come quelle di apparizioni fulminee, che in un baleno, ridanno speranza e fiducia alle persone di tutto il mondo. Sì, perché questa è la storia di Adamo Cadmoni, studente della provincia catanese in volo verso Amsterdam con degli amici per una vacanza di piacere post-esami. Adamo, ad un certo punto, ha scattato quella che potrebbe essere la foto del decennio, forse del secolo: “Ero seduto sul posto accanto al finestrino e ho visto comparire quella visione. Inizialmente non ho creduto ai miei occhi, così ho chiesto confermai ai miei compagni di posti che increduli non hanno potuto che confermare le mie visioni. Quella in cielo, a 5000 metri di altezza era una croce di Cristo, una visione, un miracolo, chiamatelo come vi pare, abbiamo fatto decine di foto più o meno buone a quella immagine che ha lasciato tutti noi a bocca aperta per alcuni minuti. Subito dopo, si è smaterializzata di fronte ai nostri occhi, causando un senso di grande gioia e rivelazione. Che incredibile emozione”. Adamo ha rilasciato la foto al nostro giornale che ha potuto, quindi, pubblicarla in anteprima. Secondo l’esperto cristologico, Josef Lakatena si tratta di miracolo: “Il Signore, quasi per legge di vicinanza, si manifesta quanto più in alto. Non è raro trovare testimonianze di alcuni astronauti che dicono di aver visto il volto di Dio nell’universo. Bene, questa volta ha voluto dare un segno divino più in basso, incredibile ma vero, come si dice, le vie del signore sono infinite, è proprio così”. Vi lasciamo a meditare sulla foto che sta facendo da alcune ore il giro del web.

Parliamo di nuova versione in quanto, in precedenza, lo stesso testo era stato pubblicato dal Fatto Quotidaino con Bari come teatro dell’inesistente manifestazione divina. Riflettiamo, ancora una volta, sui nomi di fantasia: Adamo Cadmoni altro non è che la parodia del nome di Adam Kadmon, personaggio di fantasia che compariva nella trasmissione televisiva Mistero.

Josef Lakatena, invece, compare in tutti i siti diffusori di bufale.

Si tratta, dunque, di una bufala-zombie riproposta oggi da un blog in una nuova versione.

L’articolo BUFALA Catania. In cielo compare la croce di Gesù. La Foto che fa il giro del Mondo. sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

BUFALA Catania. In cielo compare la croce di Gesù. La Foto che fa il giro del Mondo.

Ci segnalano l’ennesima versione di una vecchia bufala itinerante, pubblicata sul blog La Repubblica Italia il 25 marzo 2018:

Ci sono storie incredibili, come quelle di apparizioni fulminee, che in un baleno, ridanno speranza e fiducia alle persone di tutto il mondo. Sì, perché questa è la storia di Adamo Cadmoni, studente della provincia catanese in volo verso Amsterdam con degli amici per una vacanza di piacere post-esami. Adamo, ad un certo punto, ha scattato quella che potrebbe essere la foto del decennio, forse del secolo: “Ero seduto sul posto accanto al finestrino e ho visto comparire quella visione. Inizialmente non ho creduto ai miei occhi, così ho chiesto confermai ai miei compagni di posti che increduli non hanno potuto che confermare le mie visioni. Quella in cielo, a 5000 metri di altezza era una croce di Cristo, una visione, un miracolo, chiamatelo come vi pare, abbiamo fatto decine di foto più o meno buone a quella immagine che ha lasciato tutti noi a bocca aperta per alcuni minuti. Subito dopo, si è smaterializzata di fronte ai nostri occhi, causando un senso di grande gioia e rivelazione. Che incredibile emozione”. Adamo ha rilasciato la foto al nostro giornale che ha potuto, quindi, pubblicarla in anteprima. Secondo l’esperto cristologico, Josef Lakatena si tratta di miracolo: “Il Signore, quasi per legge di vicinanza, si manifesta quanto più in alto. Non è raro trovare testimonianze di alcuni astronauti che dicono di aver visto il volto di Dio nell’universo. Bene, questa volta ha voluto dare un segno divino più in basso, incredibile ma vero, come si dice, le vie del signore sono infinite, è proprio così”. Vi lasciamo a meditare sulla foto che sta facendo da alcune ore il giro del web.

Parliamo di nuova versione in quanto, in precedenza, lo stesso testo era stato pubblicato dal Fatto Quotidaino con Bari come teatro dell’inesistente manifestazione divina. Riflettiamo, ancora una volta, sui nomi di fantasia: Adamo Cadmoni altro non è che la parodia del nome di Adam Kadmon, personaggio di fantasia che compariva nella trasmissione televisiva Mistero.

Josef Lakatena, invece, compare in tutti i siti diffusori di bufale.

Si tratta, dunque, di una bufala-zombie riproposta oggi da un blog in una nuova versione.

L’articolo BUFALA Catania. In cielo compare la croce di Gesù. La Foto che fa il giro del Mondo. sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

BEFFA Quest’uomo si trova all’ospedale Cardarelli di Napoli – bufale.net

I Bufalari sono persone senza alcuna fantasia. Trovato il contenuto virale che pompa, eccoli tutti quanti assieme a mungerlo come una mucca ormai del tutto spompata, assetati del latte della condivisione facile, facendo in modo che anche le beffe si trasformino facilmente in farsa.

Ricordate l’ormai tragicomica leggenda dell’Hacker che collega il sistema a Facebook, entità evanescente con più nomi che capelli?

Ora dimenticatela: il nuovo feticcio dei burloni (o dei pigri desiderosi di likes per pompare la loro paginetta ma con troppa poco fantasia per congegnare contenuti originali) è il famoso attore Andrew Lincoln, ritratto nel ruolo di Rick Grimes, ex sceriffo e sopravvissuto all’Apocalisse Zombie del telefilm The Walking Dead, in una sorta di perverso tour della bufala che se prima lo vedeva in stato confusionale a Catania e poi vittima di una sparatoria in Brasile

Quest’uomo si trova all’ospedale Cardarelli di Napoli. Ritrovato ferito, in grave stato confusionale e di deperimento, senza memoria. Aiutaci a identificarlo. Fate girare …

adesso lo vede al Cardarelli.

Spesso tra gli indinniati che sciamano tra i nostri commenti credendo di poter ridurre la nostra pagina al silenzio con le loro smargiassate salta fuori qualcuno a piatire tra i denti uno sgrammaticato

eeeeeeh, ma perché fate l’antibuffala buffala di questa buffala che è chiaro che è una buffala? Chi paka per fare l’antibuffala? Avete un piano segreto voi?

Ebbene, se sono tre giorni che vi diciamo che l’uomo misterioso nella foto è l’attore Andrew Lincoln, e nonostante questo lo stesso giorno in cui noi vi dimostriamo quello che voi dite ovvio basta che un altro viralizzatore cambi il nome della città per portarvi tutti ad oltre 62mila condivisioni, se per voi basta cambiare il nome della città dove il presunto smemorato dovrebbe trovarsi per credere che sia una bufala totalmente nuova, probabilmente lo smemorato non è lui ed i cialtroni non siamo noi.

Tanto per dire.

Auspichiamo vivamente di non doverci trovare, come per la tragicomica saga dell’hacker, a dover fare un articolo per ogni ospedale di Italia o del mondo perché il burlone medio sarà anche una persona con un discutibile senso dell’umorismo, ma il boccalone medio ha sovente una spocchia non sostenuta dalla sua memoria da pesce rosso.

L’articolo BEFFA Quest’uomo si trova all’ospedale Cardarelli di Napoli – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

BEFFA Quest’uomo si trova all’ospedale Garibaldi di Catania – bufale.net

Il Meme Asceso è una struttura semplice: una beffa, ottenuta con pochi elementi tutti uguali. Generalmente basta prendere la foto di un tizio a caso, che in alcune rare occasioni è un congiunto dell’autore ma nella stragrande maggioranza dei casi è un personaggio famoso ed imbastirci su una storiella ridicola.

Questa volta, riconoscerete il famoso personaggio

Quest’uomo si trova all’ospedale Garibaldi di Catania. Ritrovato ferito, in grave stato confusionale e di deperimento, senza memoria. Aiutaci a identificarlo. Fate girare …..

Nessun mistero: il personaggio è il famoso attore Andrew Lincoln, ritratto nel ruolo di Rick Grimes, ex sceriffo e sopravvissuto all’Apocalisse Zombie del telefilm The Walking Dead, nonché involontario protagonista della saga the The Walking Ghegg, dove foto varie di Andrew Lincoln in pose particolarmente buffe vengono sovrapposte a battute di dubbio gusto per satirizzare la natura del personaggio.

L’articolo BEFFA Quest’uomo si trova all’ospedale Garibaldi di Catania – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

BUFALA Lunghissime code negli uffici postali di tutto il Nord: chiedono l’adeguamento pensionistico – bufale.net

È ancora nella cronaca la questione del Reddito di Cittadinanzarilevante ma per fortuna al momento ancora , che ha condotto un numero di cittadini, assai contenuto a recarsi in CAF e patronati chiedendo la dazione di un ancora inesistente emolumento.

Quello che ancora non lo era è la naturale tendenza dell’Indinniato a non voler ammettere la realtà dei fatti. Dinanzi a notizie come quella precedente sono tante le possibili reazioni: gioire perché, in fondo, sotto le tre cifre non si tratta di patologia ma di fisiologica disinformazione, e nel paese in cui centinaia di persone telefonano a Rosy Abate, la Regina della Mafia minacciandola di maschia violenza perché questa si sottometta al primo telefonante cessando le sue immaginarie attività criminose (e quale sarebbe stato il prossimo passo, minacciare allo stesso modo Fujiko Mine per impedirle di compiere tutte quelle rapine al fianco di Lupin III?) non vi è sorpresa se una sessantina di individui si recano in un patronato ostacolandone le attività sociali per chiedere l’impossibile, riflettere sui danni che la disinformazione fa a tutti, meditare sul perché non valga la pena parlare di allarme sociale o… come ha deciso di fare un commentatore ottenendo ben undicimila commenti pubblicare una controbufala ai danni di un partito opposto per “riequilibrare il tavolo”

E quest’ultima cosa, francamente, a noi non sta per niente bene

LUNGHISSIME CODE STAMATTINA NEGLI UFFICI POSTALI IN TUTTO IL NORD ITALIA,CHIEDONO L”ADEGUAMENTO PENSIONISTICO DA 450 A 1000 EURO DOPO LA VITTORIA DI BERLUSCONI,MOLTI SONO IN POSSESSO DI PROVA FOTOFRAFICA CHE CERTIFICA CHE HANNO DATO IL LORO VOTO AL PLURIPREGIUTICATO,ARRIVANO LE CELERE DELLA POLIZIA PER DISPERDERE I PENSIONATI DELUSI CHE SOLO STAMANI HANNO CAPITO CHE: L’HANN PIGLIAT N**L

Tipica tastiera col “maiuscolo” rotto, linguaggio semplice, accessibile, indinniato ed indinniante, carico di quelle picaresche invettive vernacolari un po’ acchiappalikes che eccitano il sangue caliente del ribelle da tastiera con torce e forconi, una rivalsa generazionale dei giovani del sud che, sentendosi vilipesi dalla diffusione delle precedenti notizie, ora possono vendicarsi in un’Italia ancora spaccata a metà dei “vecchi del nord” lanciando loro invettive rumorose e sguaiate… questa bufala avrebbe tutto il necessario per sfondare… se non fosse che il viralizzatore ha compiuto una serie di piccoli errori.

Innanzitutto, la foto stock, da noi reperita con una semplice ricerca su google immagini dal titolo fila in poste, usata in molti articoli relativi, è reperibile anche in forme che non riportino il logo CATANIAToday,cosa che rende parecchio inverosimile la teoria che si tratti di un ufficio postale settentrionale.

Proprio dalla foto poi è possibile risalire alla data ed all’evento: trattasi di uno scatto del 2010 del blog di Salvatore Viola, a sua volta usato dal portale di news di Catania e quindi ribrandizzato per illustrare come foto Stock una situazione locale del 2011, dove una combinazione di ferie estive, scarsità del personale e problemi tecnici aveva costretto le Poste ad adottare un orario estivo particolarmente ridotto con disagio per la popolazione. Popolazione, come avrete intuito, meridionale, non certo del Nord, sicuramente non interessata alla corrente campagna elettorale.

Infatti il blog di Salvatore Viola, a cagione di questo riciclo creativo sembra aver subito un nuovo influsso di visite, che ha portato l’articolo del 2010 a ritornare nel top delle visualizzazioni, destino che prevedibilmente sarà toccato al brano di Catania Today che ha usato il medesimo stock.

Infine, non ci è certo sfuggito come il nostro anonimo viralizzatore abbia deciso anticipatamente di sfuggire al confronto bloccandoci l’accesso alla sua bacheca: ogni altro commentatore infatti, come dimosterà questa foto che segue

tranne noi. Preventivamente abbiamo l’accesso sbarrato, e siamo così impossibilitati ad avvisare il viralizzatore (cui non daremo pubblicità) delle sue mancanze.

Poco male, il nostro incarico comunque finisce qui.

L’articolo BUFALA Lunghissime code negli uffici postali di tutto il Nord: chiedono l’adeguamento pensionistico – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

BUFALA Lunghissime code negli uffici postali di tutto il Nord: chiedono l’adeguamento pensionistico – bufale.net

È ancora nella cronaca la questione del Reddito di Cittadinanzarilevante ma per fortuna al momento ancora , che ha condotto un numero di cittadini, assai contenuto a recarsi in CAF e patronati chiedendo la dazione di un ancora inesistente emolumento.

Quello che ancora non lo era è la naturale tendenza dell’Indinniato a non voler ammettere la realtà dei fatti. Dinanzi a notizie come quella precedente sono tante le possibili reazioni: gioire perché, in fondo, sotto le tre cifre non si tratta di patologia ma di fisiologica disinformazione, e nel paese in cui centinaia di persone telefonano a Rosy Abate, la Regina della Mafia minacciandola di maschia violenza perché questa si sottometta al primo telefonante cessando le sue immaginarie attività criminose (e quale sarebbe stato il prossimo passo, minacciare allo stesso modo Fujiko Mine per impedirle di compiere tutte quelle rapine al fianco di Lupin III?) non vi è sorpresa se una sessantina di individui si recano in un patronato ostacolandone le attività sociali per chiedere l’impossibile, riflettere sui danni che la disinformazione fa a tutti, meditare sul perché non valga la pena parlare di allarme sociale o… come ha deciso di fare un commentatore ottenendo ben undicimila commenti pubblicare una controbufala ai danni di un partito opposto per “riequilibrare il tavolo”

E quest’ultima cosa, francamente, a noi non sta per niente bene

LUNGHISSIME CODE STAMATTINA NEGLI UFFICI POSTALI IN TUTTO IL NORD ITALIA,CHIEDONO L”ADEGUAMENTO PENSIONISTICO DA 450 A 1000 EURO DOPO LA VITTORIA DI BERLUSCONI,MOLTI SONO IN POSSESSO DI PROVA FOTOFRAFICA CHE CERTIFICA CHE HANNO DATO IL LORO VOTO AL PLURIPREGIUTICATO,ARRIVANO LE CELERE DELLA POLIZIA PER DISPERDERE I PENSIONATI DELUSI CHE SOLO STAMANI HANNO CAPITO CHE: L’HANN PIGLIAT N**L

Tipica tastiera col “maiuscolo” rotto, linguaggio semplice, accessibile, indinniato ed indinniante, carico di quelle picaresche invettive vernacolari un po’ acchiappalikes che eccitano il sangue caliente del ribelle da tastiera con torce e forconi, una rivalsa generazionale dei giovani del sud che, sentendosi vilipesi dalla diffusione delle precedenti notizie, ora possono vendicarsi in un’Italia ancora spaccata a metà dei “vecchi del nord” lanciando loro invettive rumorose e sguaiate… questa bufala avrebbe tutto il necessario per sfondare… se non fosse che il viralizzatore ha compiuto una serie di piccoli errori.

Innanzitutto, la foto stock, da noi reperita con una semplice ricerca su google immagini dal titolo fila in poste, usata in molti articoli relativi, è reperibile anche in forme che non riportino il logo CATANIAToday,cosa che rende parecchio inverosimile la teoria che si tratti di un ufficio postale settentrionale.

Proprio dalla foto poi è possibile risalire alla data ed all’evento: trattasi di uno scatto del 2010 del blog di Salvatore Viola, a sua volta usato dal portale di news di Catania e quindi ribrandizzato per illustrare come foto Stock una situazione locale del 2011, dove una combinazione di ferie estive, scarsità del personale e problemi tecnici aveva costretto le Poste ad adottare un orario estivo particolarmente ridotto con disagio per la popolazione. Popolazione, come avrete intuito, meridionale, non certo del Nord, sicuramente non interessata alla corrente campagna elettorale.

Infatti il blog di Salvatore Viola, a cagione di questo riciclo creativo sembra aver subito un nuovo influsso di visite, che ha portato l’articolo del 2010 a ritornare nel top delle visualizzazioni, destino che prevedibilmente sarà toccato al brano di Catania Today che ha usato il medesimo stock.

Infine, non ci è certo sfuggito come il nostro anonimo viralizzatore abbia deciso anticipatamente di sfuggire al confronto bloccandoci l’accesso alla sua bacheca: ogni altro commentatore infatti, come dimosterà questa foto che segue

tranne noi. Preventivamente abbiamo l’accesso sbarrato, e siamo così impossibilitati ad avvisare il viralizzatore (cui non daremo pubblicità) delle sue mancanze.

Poco male, il nostro incarico comunque finisce qui.

L’articolo BUFALA Lunghissime code negli uffici postali di tutto il Nord: chiedono l’adeguamento pensionistico – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.