DISINFORMAZIONE E ACCHIAPPALIKE Cécile Kyenge: “Fosse per me, trasformerei metà delle chiese in moschee”

Il nostro archivio è gravido di analisi sulla disinformazione a carico di Cécile Kyenge. Oggi, un’utente Facebook ha pubblicato sul proprio profilo un meme, nella piena formula dell’immagine senza fonti (leggi la nostra guida utile), che già ha raggiunto il numero preoccupante di 60 condivisioni:

L’ha detto sul serio!
Ormai è chiaro che vogliono far diventare il nostro Paese una colonia islamica!
Condividiamo tutti questo scandalo per favore.

“Se fosse per me, trasformerei metà delle chiese in moschee così che anche i fratelli islamici possano pregare in santa pace”

Cécile Kyenge in un’intervista del 2017

Il falso, oltre all’assenza di fonti è dato anche dalla decontestualizzazionefalsa attribuzione della citazione. A pronunciare tali parole, infatti, non è stata Cécile Kyenge bensì – secondo RepubblicaIl Giornalepadre Alex Zanotelli citando un discorso di monsignor Raffaele Nogaro, vescovo di Caserta, tenuto in occasione di un’intervista:

Moralmente e da uomo di fede sarei pronto a trasformare tutte le chiese in moschee se fosse utile alla causa e se consentisse di salvare la vita di uomini e donne, poveri e infelici, perché Cristo non è venuto sulla terra per costruire chiese ma per aiutare gli uomini indipendentemente dalla razza, dalla religione, dalla nazionalità. E invece ci sono politici che nei loro comizi continuano a predicare le espulsioni e la cosa peggiore è che lo fanno con la corona e il rosario in mano e nominando il nome di Dio invano, un peccato molto grave.

Zanotelli, nel citare Nogaro, motivava la sua partecipazione al “digiuno a staffetta” organizzato dal mondo della Chiesa per protestare contro la politica migratoria del nuovo governo. La manifestazione prevede un digiuno di 10 giorni con mobilitazioni tra piazza San Pietro e Montecitorio, e ha avuto adesioni anche da Firenze.

Parliamo di disinformazione, dunque, perché l’affermazione esiste ma non appartiene a Cécile Kyenge, che in questo contesto viene sfruttata con la strategia acchiappalike per sollevare l’indignazione degli utenti più disattenti.

L’articolo DISINFORMAZIONE E ACCHIAPPALIKE Cécile Kyenge: “Fosse per me, trasformerei metà delle chiese in moschee” sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

BUFALA Londra, chiuse 500 chiese e aperte 423 moschee

Un articolo pubblicato sul sito web YourNewsWire.com a marzo 2018 parlerebbe della presunta “islamizzazione” di Londra, sostenendo, con dati alla mano, che la città abbia chiuso 500 chiese e aperto 423 nuove moschee. Come ci viene confermato e spiegato dal team di Snopes si tratta di una notizia falsa che non fa altro che alimentare l’odio razziale e religioso.

L’articolo del sito YourNewsWire.com è basato su un post di aprile 2017 del Gatestone Institute, che usa ricerche scadenti e dati raccolti per affermare che Londra ospita 423 “nuove” moschee e che, dal 2001,  500 delle chiese della città hanno chiuso. Con questo si vorrebbe affermare poi che Londra sta diventando una città islamica nel mero senso del termine.

“I multiculturalisti britannici alimentano il fondamentalismo islamico – si legge nell’articolo del Gatestone Institute – I musulmani non hanno bisogno di diventare la maggioranza nel Regno Unito; hanno solo bisogno di islamizzare gradualmente le città più importanti. Il cambiamento è già in atto”.

Gatestone, per mostrare quante nuove moschee sono state costruite a Londra, ha utilizzato una mappa delle moschee a Londra da MuslimsInBritain.org, un blog dedicato alla catalogazione delle moschee britanniche. La mappa stessa non pretende di essere un catalogo di “nuove” moschee e un certo numero di moschee incluse nella mappa sono state costruite ben prima dell’anno 2000. La Moschea di Finsbury Park, ad esempio, è stata costruita negli anni ’90, e la Moschea di Leytonstone fu costruita nel 1976.

L’affermazione di Gatestone che 500 chiese hanno chiuso dal 2001 si basa anche su ricerche scadenti. Il numero deriva da un articolo del Wall Street Journal del 2012 sulla tendenza britannica a convertire vecchie chiese in abitazioni private. Non si fa riferimento a quante chiese abbiano chiuso e quando (se anche molto prima del 2001) e quante ne siano state poi aperte. Lo scopo dell’articolo è solo quello di infuocare gli animi volendo sottolineare che i musulmani a Londra stanno iniziando a superare numericamente i cristiani.

L’articolo BUFALA Londra, chiuse 500 chiese e aperte 423 moschee sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.