NOTIZIA VERA Salvini può chiudere i porti per la nave Acquarius con 600 migranti

Si discute tantissimo in queste ore sui social della scelta di Salvini, che nella giornata di domenica ha deciso di dare una prima prova di forza al proprio elettorato optando per la chiusura dei porti nei confronti della nave Aquarius, nonostante a bordo ci siano 600 persone, tra cui bambini e ben sette donne in gravidanza. Al dì là della questione etica, che comunque crea divergenze di opinione in Rete se bilanciate con altre considerazioni politiche, è inevitabile che ci sia da parte di tutti un approfondimento anche dal punto di vista legislativo.

In sostanza, Salvini è legalmente autorizzato a portare avanti una linea così dura nei confronti di Malta, che dal canto suo non pare voler assumere posizioni più tolleranti dell’Italia? Sembrerebbe di sì, almeno stando ad un importante approfondimento pubblicato proprio in queste ore da Il Sole 24 Ore. Cerchiamo dunque di capire quale sia il nodo cruciale della questione, anche perché tra stasera e domani potrebbero prendere piede sul web bufale su un versante e sull’altro.

Nel dettaglio, viene citata la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare, che è stata ratificata dall’Italia nel 1994. Grazie all’articolo 19, sappiamo fondamentalmente che il passaggio di una nave nelle acque territoriali di uno Stato è consentito se soddisfatte alcune condizioni. Si afferma, nello specifico: “fintanto che non arreca pregiudizio alla pace, al buon ordine e alla sicurezza dello Stato costiero“. Occhio, però, al comma 2, che cita testualmente in casi in cui si verifica “il carico o lo scarico di materiali, valuta o persone in violazione delle leggi e dei regolamenti doganali, fiscali, sanitari o di immigrazione vigenti nello Stato costiero“.

Essendoci il sospetto che la nave possa effettivamente violare le leggi sull’immigrazione italiane, come in questo caso, il diritto internazionale consente a Salvini di chiudere i porti ai migranti ed in particolare alla nave Acquarius. Staremo a vedere se i prossimi contatti con Malta consentiranno alle parti di oltrepassare la materia giuridica e di anteporre il buon senso, a prescindere dal Paese che farà un passo indietro.

L’articolo NOTIZIA VERA Salvini può chiudere i porti per la nave Acquarius con 600 migranti sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

NOTIZIA VERA Salvini può chiudere i porti per la nave Acquarius con 600 migranti

Si discute tantissimo in queste ore sui social della scelta di Salvini, che nella giornata di domenica ha deciso di dare una prima prova di forza al proprio elettorato optando per la chiusura dei porti nei confronti della nave Aquarius, nonostante a bordo ci siano 600 persone, tra cui bambini e ben sette donne in gravidanza. Al dì là della questione etica, che comunque crea divergenze di opinione in Rete se bilanciate con altre considerazioni politiche, è inevitabile che ci sia da parte di tutti un approfondimento anche dal punto di vista legislativo.

In sostanza, Salvini è legalmente autorizzato a portare avanti una linea così dura nei confronti di Malta, che dal canto suo non pare voler assumere posizioni più tolleranti dell’Italia? Sembrerebbe di sì, almeno stando ad un importante approfondimento pubblicato proprio in queste ore da Il Sole 24 Ore. Cerchiamo dunque di capire quale sia il nodo cruciale della questione, anche perché tra stasera e domani potrebbero prendere piede sul web bufale su un versante e sull’altro.

Nel dettaglio, viene citata la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare, che è stata ratificata dall’Italia nel 1994. Grazie all’articolo 19, sappiamo fondamentalmente che il passaggio di una nave nelle acque territoriali di uno Stato è consentito se soddisfatte alcune condizioni. Si afferma, nello specifico: “fintanto che non arreca pregiudizio alla pace, al buon ordine e alla sicurezza dello Stato costiero“. Occhio, però, al comma 2, che cita testualmente in casi in cui si verifica “il carico o lo scarico di materiali, valuta o persone in violazione delle leggi e dei regolamenti doganali, fiscali, sanitari o di immigrazione vigenti nello Stato costiero“.

Essendoci il sospetto che la nave possa effettivamente violare le leggi sull’immigrazione italiane, come in questo caso, il diritto internazionale consente a Salvini di chiudere i porti ai migranti ed in particolare alla nave Acquarius. Staremo a vedere se i prossimi contatti con Malta consentiranno alle parti di oltrepassare la materia giuridica e di anteporre il buon senso, a prescindere dal Paese che farà un passo indietro.

L’articolo NOTIZIA VERA Salvini può chiudere i porti per la nave Acquarius con 600 migranti sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

BUFALA Il parco divertimenti Story Land chiuderà a breve

Pare che il noto parco divertimenti del New Hampshire, Story Land, come annunciato nei primi giorni di giugno, sia pronto a chiudere i battenti.

Diversi utenti su Facebook hanno cominciato a diffondere un messaggio, qualche giorno fa, sulla presunta chiusura di un famoso parco divertimenti localizzato nel New Hampshire, ovvero Story Land.

Nonostante il nome possa effettivamente generare confusione, la “New Hampshire News Networks” non è una vera fonte di notizie e informazioni. In realtà, infatti, si tratta di una pagina Facebook che si occupa di intrattenimento, che pubblica contenuti satirici su quanto accade nello Stato del New Hampshire. Proprio nella stessa pagina si può trovare una clausola in cui viene esclusa la responsabilità per quanto riguarda le notizie satiriche che vengono pubblicate dal sito.

Il parco divertimenti ha deciso anche di rilasciare in via ufficiale una dichiarazione con lo scopo di smentire tutte queste voci infondate. Il comunicato di Story Land ha avuto altresì l’obiettivo di rassicurare tutte le famiglie del New Hampshire di non avere alcuna intenzione di chiudere in tempi brevi. Il famoso parco divertimenti ha consigliato ai suoi fan di non credere a tutto ciò che si legge sul web. Anzi, ha rilanciato sottolineando come starà ancora per molti anni al suo posto. Per smentire la bufala si è scomodata anche la redazione di Snopes.

 

L’articolo BUFALA Il parco divertimenti Story Land chiuderà a breve sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

BUFALA Il parco divertimenti Story Land chiuderà a breve

Pare che il noto parco divertimenti del New Hampshire, Story Land, come annunciato nei primi giorni di giugno, sia pronto a chiudere i battenti.

Diversi utenti su Facebook hanno cominciato a diffondere un messaggio, qualche giorno fa, sulla presunta chiusura di un famoso parco divertimenti localizzato nel New Hampshire, ovvero Story Land.

Nonostante il nome possa effettivamente generare confusione, la “New Hampshire News Networks” non è una vera fonte di notizie e informazioni. In realtà, infatti, si tratta di una pagina Facebook che si occupa di intrattenimento, che pubblica contenuti satirici su quanto accade nello Stato del New Hampshire. Proprio nella stessa pagina si può trovare una clausola in cui viene esclusa la responsabilità per quanto riguarda le notizie satiriche che vengono pubblicate dal sito.

Il parco divertimenti ha deciso anche di rilasciare in via ufficiale una dichiarazione con lo scopo di smentire tutte queste voci infondate. Il comunicato di Story Land ha avuto altresì l’obiettivo di rassicurare tutte le famiglie del New Hampshire di non avere alcuna intenzione di chiudere in tempi brevi. Il famoso parco divertimenti ha consigliato ai suoi fan di non credere a tutto ciò che si legge sul web. Anzi, ha rilanciato sottolineando come starà ancora per molti anni al suo posto. Per smentire la bufala si è scomodata anche la redazione di Snopes.

 

L’articolo BUFALA Il parco divertimenti Story Land chiuderà a breve sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

NOTIZIA VERA «Un circo degli orrori»: esposto del Codacons per la chiusura del Grande Fratello

Una notizia pubblicata sul Corriere della Sera il 14 maggio 2018 riporta che l’Agcom ha definito il Grande Fratello «un circo degli orrori», e che il Codacons ne ha chiesto la chiusura:

Già in molti avevano criticato questa edizione del reality, ora arriva anche un esposto all’Agcom dell’associazione dei consumatori: «Con l’ultima edizione del Grande Fratello, la televisione italiana non ha mai raggiunto livelli di trash così elevati» si legge nell’esposto che precisa come lo stesso Codacons stia ricevendo «da giorni le proteste degli utenti della tv che non vogliono più assistere a spettacoli così aberranti sui teleschermi».

A dare conferma è lo stesso Codacons nell’area Rassegna Stampa, con un comunicato pubblicato il 15 maggio sul sito ufficiale:

L’associazione dei consumatori chiede a Mediaset «di fare un passo indietro, disponendo la sospensione del programma nell’interesse dei telespettatori. Con un esposto all’Agcom, inoltre, abbiamo chiesto all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni di disporre la chiusura immediata della trasmissione qualora l’azienda non adotterà entro pochi giorni misure in tal senso.

Ancora:

Tra volgarità di vario tipo, violenze verbali, personaggi borderline e finte storie d’amore a uso e consumo delle telecamere, il Grande Fratello è diventato una `discarica televisiva´, altamente diseducativa specie per i più giovani.

La notizia è dunque vera. Il Codacons ha chiesto a Mediaset di sospendere il reality show italiano.

L’articolo NOTIZIA VERA «Un circo degli orrori»: esposto del Codacons per la chiusura del Grande Fratello sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.