PRECISAZIONI Il bambino di una mia carissima amica ha bisogno di piastrine

Un appello sta rimbalzando di bacheca in bacheca e su vari gruppi Facebook:

I nostri lettori si sono insospettiti per il riferimento al «bambino di una mia carissima amica», frase che ricorreva in ogni post – quindi tutti conoscevano un figlio di una carissima amica. In alcuni post, inoltre, è comparso il nome della mamma del bambino e il suo numero di cellulare, che per rispetto della privacy, ovviamente, non riporteremo.

Secondo tutte le segnalazioni e le ricerche, l’appello è stato pubblicato per la prima volta il 7 aprile 2018. È stato pubblicato anche sulla pagina facebook di Jill Cooper:

Dunque – capite anche voi – ora la madre del piccolo Cristian Riccioni è anche una carissima amica di Jill Cooper. Si tratta, ovviamente, di un copia-incolla. Ciò che succede è che si diffonde un passa-parola da una fonte non ben specificata (il fatto che sia spuntato il nome della madre e il suo numero di telefono non significa granché) e si rischia di perdere realmente i contatti con l’emergenza.

Accade, poi, che nel gruppo Facebook Cerveteri, Ladispoli e dintorni venga pubblicato una sorta di aggiornamento:

Ancora:

Per il momento parliamo di precisazioni perché stiamo cercando aggiornamenti e riscontri su questo appello. La nostra analisi si rende necessaria in quanto abbiamo già avuto a che fare con appelli copia-incolla che poi sono rivelati inutili (vuoi perché l’emergenza era già rientrata, vuoi perché nascevano negli Stati Uniti e in Italia non aveva senso et cetera) e, in altri casi, falsi.

Per il momento non abbiamo notizie. Vi aggiorneremo in un prossimo articolo.

 

L’articolo PRECISAZIONI Il bambino di una mia carissima amica ha bisogno di piastrine sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.