BUFALA Epidemia del virus HR3211 nel Kentucky

A partire dall’8 luglio, ha iniziato a girare sui social la falsa notizia di un’epidemia del “virus HR3211” a Louisville, nel Kentucky. Secondo le notizie, l’epidemia avrebbe già ucciso 16 persone in poche ore. Ma la notizia si è rivelata una bufala, probabilmente uno scherzo di un sito generatore di notizie.

virus

 

La bufala

A far cadere ancor di più nell’inganno i lettori ci sarebbe stata la pubblicazione di un rapporto dell’ospedale locale. Gli utenti dei social media hanno iniziato a condividere un rapporto attribuito alla stazione televisiva WLKY a Louisville.

Il rapporto diceva che l’Università di Louisville aveva già confermato 16 morti nelle ultime 8 ore, a causa di un raro ceppo di HR3211virus. La Tv locale riportava anche le dichiarazioni del Dottor Hemiln, capo di Medicina Interna dell’ospedale, secondo cui questo poteva essere il più grande focolaio mai visto negli Stati Uniti.

Invitava chiunque avesse sintomi come mal di testa, visione offuscata, sanguinamento dalle orecchie o zona rettale, o avvertiva un ronzio, a recarsi subito all’ospedale e nel frattempo a non entrare in contatto con nessuno. La diffusione del virus era infatti per via aerea.

virus

Ma i debunker si sono subito mossi, insospettiti dai tanti errori ortografici presenti nel rapporto. Inoltre, la notizia che appariva con il logo della Tv locale WLKY non era stata pubblicata sul sito web della stessa emittente. I link in uscita dai post sui social media inoltre, rinviavano al sito React365.com, noto per le sue burle e per dare la possibilità, agli utenti, di creare i propri articoli di notizie false.

Anche l’emittente, dopo poche ore, si è vista costretta a pubblicare un comunicato sul proprio profilo Facebook, confermando la falsità della notizia.

In ultimo, chiunque cerchi il “virus HR3211”, scopre che nemmeno esiste.

L’articolo BUFALA Epidemia del virus HR3211 nel Kentucky sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

NOTIZIA VERA Il Varicella Party di Milano – bufale.net

Ci segnalano i nostri contatti un messaggio che sta scuotendo le bacheche di questo sonnolento Primo Maggio

Domani Varicella Party per chi lo desidera 😛
Vi aspettiamo alla casa di Milano!

Recita un testo che ha fatto il giro di diverse bacheche, comuni ed illustri, tra cui quella del sempreverde campione della divulgazione italiana, Dottor Burioni.

E la notizia è vera. Ci siamo recati nella bacheca indicata, che comunque riporteremo personalmente in versione censurata per proteggere la privacy dell’autrice del testo, evidentemente inconsapevole della gravità del suo atto e delle conseguenze che avebbe portato, che ad ora ha raggiunto il migliaio di condivisioni, trovandovi questo appello

Lo riconoscete? È lo stesso appello di prima, proveniente quindi dalla bacheca summenzionata.

Nextquotidiano ha dedicato alla vicenda un ampio post, ricordando alcuni punti salienti della triste vicenda.

Perché l’interprete di questa vicenda, bontà sua, non capisce in quali danni danni potrebbe essersi cacciata.

Citando il noto film Mad Max, Oltre la Sfera del Tuono

Gli anni passano rapidamente, e giorno dopo giorno abbiamo fatto la nostra storia raccontando la nostra leggenda. Ma questa non è la storia di uno. È la storia di tutti noi. E voi dovete ascoltare, e ricordare. Perché voi oggi ascoltate, e domani racconterete ai nuovi nati.

Ma non tutti ascoltano le storie e le leggende, anche solo presenti. E solo l’annno scorso un gruppo Facebook dedicato alla diffusione dei “Malattia Party”, ovvero il tentativo di evitare i vaccini infettando direttamente i pargoli con malattie a caso, conobbe improvvisamente una fine drastica.

Accidenti.. sono stata informata del fatto che questo gruppo potrebbe essere denunciato secondo art 438 cod pen per cui non si possono organizzare epidemie! Dichiaro sospeso il gruppo mi scuso con tutti. A breve la cancellazione.

Non si possono diffondere malattie infettive sul suolo nazionale… chi l’avrebbe mai detto?

Forse il legislatore, nella sua infinita saggezza, aveva previsto che

Chiunque cagiona un’epidemia mediante la diffusione di germi patogeni è punito con l’ergastolo [448, 452]. Se dal fatto deriva la morte di più persone, si applica la pena [di morte]

La ratio legis è evidente: se lo scopo di uno Stato è ridurre la diffusione di malattie, anche “apparentemente innocenti” ma con conseguenze ben gravi (pensiamo alle encefalopatie conseguenza del morbillo, o, tornando alla varicella, alle complicazioni dovute all’Herpes Zoster che sovente accompagna per la vita chi ha subito la varicella da bambino…), sarebbe insensato chiudere un occhio verso chi diffonde quegli stessi nocivi patogeni che si vorrebbero eliminati e sdradicati.

E del resto, eliminare la necessità di vaccinarsi cagionandosi direttamente la malattia ci sa tanto di eliminare la fame col suicidio o il bisogno di scarpe con l’amputazione dei piedi: si elimina dall’orizzonte immediato qualcosa nato per evitare un danno cagionandosi il danno stesso, in modo da poter, se tutto è andato bene, raccontare di esservi sopravvissuti e non aver bisogno d’altro.

Non sempre quello che è passato è bene: e infatti l’età media umana si è molto allungata nell’ultimo secolo grazie ai progressi della medicina.

Confidiamo pertanto che i protagonisti di questa vicenda e simili vicende rimuovano quanto prima i loro appelli e non ripropongano mai più simili operazioni, esponendo bambini e soggetti immunodepressi ad un rischio non motivato da alcun beneficio.

L’articolo NOTIZIA VERA Il Varicella Party di Milano – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

NOTIZIA VERA Il Varicella Party di Milano – bufale.net

Ci segnalano i nostri contatti un messaggio che sta scuotendo le bacheche di questo sonnolento Primo Maggio

Domani Varicella Party per chi lo desidera 😛
Vi aspettiamo alla casa di Milano!

Recita un testo che ha fatto il giro di diverse bacheche, comuni ed illustri, tra cui quella del sempreverde campione della divulgazione italiana, Dottor Burioni.

E la notizia è vera. Ci siamo recati nella bacheca indicata, che comunque riporteremo personalmente in versione censurata per proteggere la privacy dell’autrice del testo, evidentemente inconsapevole della gravità del suo atto e delle conseguenze che avebbe portato, che ad ora ha raggiunto il migliaio di condivisioni, trovandovi questo appello

Lo riconoscete? È lo stesso appello di prima, proveniente quindi dalla bacheca summenzionata.

Nextquotidiano ha dedicato alla vicenda un ampio post, ricordando alcuni punti salienti della triste vicenda.

Perché l’interprete di questa vicenda, bontà sua, non capisce in quali danni danni potrebbe essersi cacciata.

Citando il noto film Mad Max, Oltre la Sfera del Tuono

Gli anni passano rapidamente, e giorno dopo giorno abbiamo fatto la nostra storia raccontando la nostra leggenda. Ma questa non è la storia di uno. È la storia di tutti noi. E voi dovete ascoltare, e ricordare. Perché voi oggi ascoltate, e domani racconterete ai nuovi nati.

Ma non tutti ascoltano le storie e le leggende, anche solo presenti. E solo l’annno scorso un gruppo Facebook dedicato alla diffusione dei “Malattia Party”, ovvero il tentativo di evitare i vaccini infettando direttamente i pargoli con malattie a caso, conobbe improvvisamente una fine drastica.

Accidenti.. sono stata informata del fatto che questo gruppo potrebbe essere denunciato secondo art 438 cod pen per cui non si possono organizzare epidemie! Dichiaro sospeso il gruppo mi scuso con tutti. A breve la cancellazione.

Non si possono diffondere malattie infettive sul suolo nazionale… chi l’avrebbe mai detto?

Forse il legislatore, nella sua infinita saggezza, aveva previsto che

Chiunque cagiona un’epidemia mediante la diffusione di germi patogeni è punito con l’ergastolo [448, 452]. Se dal fatto deriva la morte di più persone, si applica la pena [di morte]

La ratio legis è evidente: se lo scopo di uno Stato è ridurre la diffusione di malattie, anche “apparentemente innocenti” ma con conseguenze ben gravi (pensiamo alle encefalopatie conseguenza del morbillo, o, tornando alla varicella, alle complicazioni dovute all’Herpes Zoster che sovente accompagna per la vita chi ha subito la varicella da bambino…), sarebbe insensato chiudere un occhio verso chi diffonde quegli stessi nocivi patogeni che si vorrebbero eliminati e sdradicati.

E del resto, eliminare la necessità di vaccinarsi cagionandosi direttamente la malattia ci sa tanto di eliminare la fame col suicidio o il bisogno di scarpe con l’amputazione dei piedi: si elimina dall’orizzonte immediato qualcosa nato per evitare un danno cagionandosi il danno stesso, in modo da poter, se tutto è andato bene, raccontare di esservi sopravvissuti e non aver bisogno d’altro.

Non sempre quello che è passato è bene: e infatti l’età media umana si è molto allungata nell’ultimo secolo grazie ai progressi della medicina.

Confidiamo pertanto che i protagonisti di questa vicenda e simili vicende rimuovano quanto prima i loro appelli e non ripropongano mai più simili operazioni, esponendo bambini e soggetti immunodepressi ad un rischio non motivato da alcun beneficio.

L’articolo NOTIZIA VERA Il Varicella Party di Milano – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

NOTIZIA VERA Il Varicella Party di Milano – bufale.net

Ci segnalano i nostri contatti un messaggio che sta scuotendo le bacheche di questo sonnolento Primo Maggio

Domani Varicella Party per chi lo desidera 😛
Vi aspettiamo alla casa di Milano!

Recita un testo che ha fatto il giro di diverse bacheche, comuni ed illustri, tra cui quella del sempreverde campione della divulgazione italiana, Dottor Burioni.

E la notizia è vera. Ci siamo recati nella bacheca indicata, che comunque riporteremo personalmente in versione censurata per proteggere la privacy dell’autrice del testo, evidentemente inconsapevole della gravità del suo atto e delle conseguenze che avebbe portato, che ad ora ha raggiunto il migliaio di condivisioni, trovandovi questo appello

Lo riconoscete? È lo stesso appello di prima, proveniente quindi dalla bacheca summenzionata.

Nextquotidiano ha dedicato alla vicenda un ampio post, ricordando alcuni punti salienti della triste vicenda.

Perché l’interprete di questa vicenda, bontà sua, non capisce in quali danni danni potrebbe essersi cacciata.

Citando il noto film Mad Max, Oltre la Sfera del Tuono

Gli anni passano rapidamente, e giorno dopo giorno abbiamo fatto la nostra storia raccontando la nostra leggenda. Ma questa non è la storia di uno. È la storia di tutti noi. E voi dovete ascoltare, e ricordare. Perché voi oggi ascoltate, e domani racconterete ai nuovi nati.

Ma non tutti ascoltano le storie e le leggende, anche solo presenti. E solo l’annno scorso un gruppo Facebook dedicato alla diffusione dei “Malattia Party”, ovvero il tentativo di evitare i vaccini infettando direttamente i pargoli con malattie a caso, conobbe improvvisamente una fine drastica.

Accidenti.. sono stata informata del fatto che questo gruppo potrebbe essere denunciato secondo art 438 cod pen per cui non si possono organizzare epidemie! Dichiaro sospeso il gruppo mi scuso con tutti. A breve la cancellazione.

Non si possono diffondere malattie infettive sul suolo nazionale… chi l’avrebbe mai detto?

Forse il legislatore, nella sua infinita saggezza, aveva previsto che

Chiunque cagiona un’epidemia mediante la diffusione di germi patogeni è punito con l’ergastolo [448, 452]. Se dal fatto deriva la morte di più persone, si applica la pena [di morte]

La ratio legis è evidente: se lo scopo di uno Stato è ridurre la diffusione di malattie, anche “apparentemente innocenti” ma con conseguenze ben gravi (pensiamo alle encefalopatie conseguenza del morbillo, o, tornando alla varicella, alle complicazioni dovute all’Herpes Zoster che sovente accompagna per la vita chi ha subito la varicella da bambino…), sarebbe insensato chiudere un occhio verso chi diffonde quegli stessi nocivi patogeni che si vorrebbero eliminati e sdradicati.

E del resto, eliminare la necessità di vaccinarsi cagionandosi direttamente la malattia ci sa tanto di eliminare la fame col suicidio o il bisogno di scarpe con l’amputazione dei piedi: si elimina dall’orizzonte immediato qualcosa nato per evitare un danno cagionandosi il danno stesso, in modo da poter, se tutto è andato bene, raccontare di esservi sopravvissuti e non aver bisogno d’altro.

Non sempre quello che è passato è bene: e infatti l’età media umana si è molto allungata nell’ultimo secolo grazie ai progressi della medicina.

Confidiamo pertanto che i protagonisti di questa vicenda e simili vicende rimuovano quanto prima i loro appelli e non ripropongano mai più simili operazioni, esponendo bambini e soggetti immunodepressi ad un rischio non motivato da alcun beneficio.

L’articolo NOTIZIA VERA Il Varicella Party di Milano – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

BUFALA USA, trovato il corpo del medico che aveva dichiarato che il vaccino antinfluenzale è causa di un’epidemia mortale

Il 5 aprile 2018, il sito web di Your News Wire ha pubblicato un articolo che riportava che un medico del Centro per il Controllo e la Prevenzione delle malattieDr. Timothy J. Cunningham, 35 anni, che aveva avvertito tutti che i vaccini avevano causato un’epidemia di influenza mortale, è stato trovato morto, annegato nel fiume di Atlanta.

Secondo quando riportato dal team di Snopes e anche dalla stazione televisiva WXIA di Atlanta si tratta di una bufala creata appositamente su di un fatto realmente accaduto. Infatti, è vero che il cadavere di Timothy Cunningham, un epidemiologo dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, è stato trovato in un fiume di Atlanta più di sei settimane dopo la sua scomparsa (le circostanze della sua morte da annegamento non sono ancora state determinate). Tuttavia, nessuna informazione credibile documenta che il dottor Cunningham abbia dichiarato che i vaccini antinfluenzali siano stati responsabili della creazione di un’epidemia di influenza mortale.

Your News Wire è un sito di notizie false che ha pubblicato diversi falsi articoli sui presunti effetti deleteri dei vaccini antinfluenzali e questo caso è (aggiungiamo purtroppo) capitato giusto a loro favore. Hanno approfittato del reale ritrovamento del cadavere del giovane medico americano per costruire la storia inventata sugli effetti dei vaccini.

A gennaio 2018 su Your News Wire era comparso, infatti, un articolo in cui si citava un medico anonimo del CDC che aveva detto: “abbiamo visto persone morire in tutto il paese per l’influenza e la cosa che quasi tutti hanno in comune è che hanno la vaccinazione antinfluenzale”. Secondo quando riportato dalla rete locale e dalla polizia  il dott. Cunningham non si occupava di malattie infettive e non aveva accesso a informazioni sensibili in quell’area.

L’articolo BUFALA USA, trovato il corpo del medico che aveva dichiarato che il vaccino antinfluenzale è causa di un’epidemia mortale sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.