PRECISAZIONI L’hanno trovato in strada: guardate i suoi occhi – bufale.net

A volte ci sono immagini che diventano virali in buona fede, ma contengono errori non banali, a volte anche pericolosi per la salute dell’animale ritratto al loro interno. Come in questo caso

L’hanno trovato per strada dopo averlo abbandonato….. guardate i suoi occhi….
Pensate ancora che gli animali non hanno un anima? Che Dio abbia misericordia di chi li riduce così perché io non ne ho…. mi fanno schifo!!!!!
DIAMO VOCE A CHI NON HA VOCE!!!!!

Partiamo subito da una precisazione: ritenere che i gatti esprimano sofferenza col pianto, è un errore grave di antropomorfismo (la tendenza a valutare il comportamento e la biologia animale secondo canoni umani) non privo di conseguenze potenzialmente gravi.

Infatti è fatto noto che i gatti non esprimono tristezza col pianto, non ne sono fisicamente capaci, ma l’accumulo di lacrime nei loro occhi è sintomo di una serie di malattie dalla semplice irritazione fino alla congiuntivite, che non trattate possono portare a conseguenze serie per la salute del vostro amico a quattro zampe.

I gatti possono “piangere” o avere gli occhi umidi per una serie di ragioni, tutte mediche e non emotive. Ad esempio perché hanno gli occhi irritati da un granello di polvere o hanno ricevuto graffi da altiri gatti.

Le lacrime possono essere causate da malattie contagiose come infezioni del tratto respiratorio superiore. Anche congestioni o otturazioni dei dotti lacrimali, che ci crediate  o no, possono portare a lacrime.

Altre possibili ragioni derivano da

  • congiuntiviti
  • allergie
  • infezioni
  • condizioni congenite (i gatti con la testina rotonda producono lacrime in modo assai probabile)

Se vedete lacrime negli occhi dei vostri gatti, sappiate che non stanno provando una forte emozione, ma vi dimostrano che hanno una condizione medica da curare. Spesso, è una malattia poco seria, comunque, in alcuni casi potrebbe essere un problema grave o destinato ad aggravarsi. Se il vostro gatto lacrima spesso, portatelo al veterinario. Carezze e gentilezze, anche se apprezzate, non fermeranno le sue lacrime

La tentazione di rileggere la foto vedendovi un gattino triste è evidente. È un errore comune, che potrebbe pensare che un gatto “coi lucciconi” stia semplicemente esprimendo un sentimento.

Ma non è così, e specie un gattino randagio raccolto dalla strada potrebbe invece avere qualsiasi cosa dalla semplice e transitoria irritazione a infezioni e congiuntiviti che potrebbero danneggiare i suoi occhi delicati in modo permanente.

Un gatto triste invece esprimerà tale sentimento in diversi modi, di cui alcuni decisamente controintuitivi.

Ad esempio un gatto triste si lamenterà con una serie di miagolii cupi e tetri, oppure, paradossalmente, continuando a fare le fusa anche molto dopo essere stato confortato, dato che i gatti fanno le fusa non solo per esprimere felicità, ma come tentativo di “confortarsi” quando provano dolore o condizioni negative, oppure subirà alterazioni nel comportamento, di talché un gattino solitamente timido e riservato comincerà improvvisamente a lamentarsi rumorosamente e continuamente e, di converso, un gatto rumoroso e attivo diventerà improvvisamente apatico e silenzioso, mentre un gatto solitamente timido e bene educato diventerà aggressivo e incontrollabile o spaventato e terrorizzato dal contatto umano.

Oppure, e questo è l’unico tratto caratteriale che potrebbe accomunare un felino triste ad un essere umano, un gatto triste diventerà improvvisamente apatico, smetterà di giocare, passerà molto più tempo del solito dormendo e smetterà persino di prendersi cura istintivamente del proprio pelo assumendo un aspetto visibilmente arruffato e trascurato.

Un gatto triste e depresso inoltre avrà una particolare mimica come orecchie basse, coda penzolante tra le zampe e pelo ritto.

Tra le cause di tristezza più comuni per un felino abbiamo il dolore fisico, causato da malattie e ferite, la frustrazione (ad esempio un gatto invecchiato, ammalato o ferito e quindi incapace di giocare e muoversi liberamente sommerà al dolore fisico un malessere psicologico) e la perdita di un componente del suo gruppo sociale, sia esso umano o felino.

In ogni caso occhioni grandi e lacrimosi non significheranno mai tristezza in un gatto, ma il bisogno di osservare il proprio gatto e ricorrere all’aiuto di un veterinario: potrebbe essere una cosa da poco, ma potrebbe essere il segnale di un problema di salute grave ed invalidante.

 

L’articolo PRECISAZIONI L’hanno trovato in strada: guardate i suoi occhi – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

NOTIZIA VERA Il Varicella Party di Milano – bufale.net

Ci segnalano i nostri contatti un messaggio che sta scuotendo le bacheche di questo sonnolento Primo Maggio

Domani Varicella Party per chi lo desidera 😛
Vi aspettiamo alla casa di Milano!

Recita un testo che ha fatto il giro di diverse bacheche, comuni ed illustri, tra cui quella del sempreverde campione della divulgazione italiana, Dottor Burioni.

E la notizia è vera. Ci siamo recati nella bacheca indicata, che comunque riporteremo personalmente in versione censurata per proteggere la privacy dell’autrice del testo, evidentemente inconsapevole della gravità del suo atto e delle conseguenze che avebbe portato, che ad ora ha raggiunto il migliaio di condivisioni, trovandovi questo appello

Lo riconoscete? È lo stesso appello di prima, proveniente quindi dalla bacheca summenzionata.

Nextquotidiano ha dedicato alla vicenda un ampio post, ricordando alcuni punti salienti della triste vicenda.

Perché l’interprete di questa vicenda, bontà sua, non capisce in quali danni danni potrebbe essersi cacciata.

Citando il noto film Mad Max, Oltre la Sfera del Tuono

Gli anni passano rapidamente, e giorno dopo giorno abbiamo fatto la nostra storia raccontando la nostra leggenda. Ma questa non è la storia di uno. È la storia di tutti noi. E voi dovete ascoltare, e ricordare. Perché voi oggi ascoltate, e domani racconterete ai nuovi nati.

Ma non tutti ascoltano le storie e le leggende, anche solo presenti. E solo l’annno scorso un gruppo Facebook dedicato alla diffusione dei “Malattia Party”, ovvero il tentativo di evitare i vaccini infettando direttamente i pargoli con malattie a caso, conobbe improvvisamente una fine drastica.

Accidenti.. sono stata informata del fatto che questo gruppo potrebbe essere denunciato secondo art 438 cod pen per cui non si possono organizzare epidemie! Dichiaro sospeso il gruppo mi scuso con tutti. A breve la cancellazione.

Non si possono diffondere malattie infettive sul suolo nazionale… chi l’avrebbe mai detto?

Forse il legislatore, nella sua infinita saggezza, aveva previsto che

Chiunque cagiona un’epidemia mediante la diffusione di germi patogeni è punito con l’ergastolo [448, 452]. Se dal fatto deriva la morte di più persone, si applica la pena [di morte]

La ratio legis è evidente: se lo scopo di uno Stato è ridurre la diffusione di malattie, anche “apparentemente innocenti” ma con conseguenze ben gravi (pensiamo alle encefalopatie conseguenza del morbillo, o, tornando alla varicella, alle complicazioni dovute all’Herpes Zoster che sovente accompagna per la vita chi ha subito la varicella da bambino…), sarebbe insensato chiudere un occhio verso chi diffonde quegli stessi nocivi patogeni che si vorrebbero eliminati e sdradicati.

E del resto, eliminare la necessità di vaccinarsi cagionandosi direttamente la malattia ci sa tanto di eliminare la fame col suicidio o il bisogno di scarpe con l’amputazione dei piedi: si elimina dall’orizzonte immediato qualcosa nato per evitare un danno cagionandosi il danno stesso, in modo da poter, se tutto è andato bene, raccontare di esservi sopravvissuti e non aver bisogno d’altro.

Non sempre quello che è passato è bene: e infatti l’età media umana si è molto allungata nell’ultimo secolo grazie ai progressi della medicina.

Confidiamo pertanto che i protagonisti di questa vicenda e simili vicende rimuovano quanto prima i loro appelli e non ripropongano mai più simili operazioni, esponendo bambini e soggetti immunodepressi ad un rischio non motivato da alcun beneficio.

L’articolo NOTIZIA VERA Il Varicella Party di Milano – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

NOTIZIA VERA Il Varicella Party di Milano – bufale.net

Ci segnalano i nostri contatti un messaggio che sta scuotendo le bacheche di questo sonnolento Primo Maggio

Domani Varicella Party per chi lo desidera 😛
Vi aspettiamo alla casa di Milano!

Recita un testo che ha fatto il giro di diverse bacheche, comuni ed illustri, tra cui quella del sempreverde campione della divulgazione italiana, Dottor Burioni.

E la notizia è vera. Ci siamo recati nella bacheca indicata, che comunque riporteremo personalmente in versione censurata per proteggere la privacy dell’autrice del testo, evidentemente inconsapevole della gravità del suo atto e delle conseguenze che avebbe portato, che ad ora ha raggiunto il migliaio di condivisioni, trovandovi questo appello

Lo riconoscete? È lo stesso appello di prima, proveniente quindi dalla bacheca summenzionata.

Nextquotidiano ha dedicato alla vicenda un ampio post, ricordando alcuni punti salienti della triste vicenda.

Perché l’interprete di questa vicenda, bontà sua, non capisce in quali danni danni potrebbe essersi cacciata.

Citando il noto film Mad Max, Oltre la Sfera del Tuono

Gli anni passano rapidamente, e giorno dopo giorno abbiamo fatto la nostra storia raccontando la nostra leggenda. Ma questa non è la storia di uno. È la storia di tutti noi. E voi dovete ascoltare, e ricordare. Perché voi oggi ascoltate, e domani racconterete ai nuovi nati.

Ma non tutti ascoltano le storie e le leggende, anche solo presenti. E solo l’annno scorso un gruppo Facebook dedicato alla diffusione dei “Malattia Party”, ovvero il tentativo di evitare i vaccini infettando direttamente i pargoli con malattie a caso, conobbe improvvisamente una fine drastica.

Accidenti.. sono stata informata del fatto che questo gruppo potrebbe essere denunciato secondo art 438 cod pen per cui non si possono organizzare epidemie! Dichiaro sospeso il gruppo mi scuso con tutti. A breve la cancellazione.

Non si possono diffondere malattie infettive sul suolo nazionale… chi l’avrebbe mai detto?

Forse il legislatore, nella sua infinita saggezza, aveva previsto che

Chiunque cagiona un’epidemia mediante la diffusione di germi patogeni è punito con l’ergastolo [448, 452]. Se dal fatto deriva la morte di più persone, si applica la pena [di morte]

La ratio legis è evidente: se lo scopo di uno Stato è ridurre la diffusione di malattie, anche “apparentemente innocenti” ma con conseguenze ben gravi (pensiamo alle encefalopatie conseguenza del morbillo, o, tornando alla varicella, alle complicazioni dovute all’Herpes Zoster che sovente accompagna per la vita chi ha subito la varicella da bambino…), sarebbe insensato chiudere un occhio verso chi diffonde quegli stessi nocivi patogeni che si vorrebbero eliminati e sdradicati.

E del resto, eliminare la necessità di vaccinarsi cagionandosi direttamente la malattia ci sa tanto di eliminare la fame col suicidio o il bisogno di scarpe con l’amputazione dei piedi: si elimina dall’orizzonte immediato qualcosa nato per evitare un danno cagionandosi il danno stesso, in modo da poter, se tutto è andato bene, raccontare di esservi sopravvissuti e non aver bisogno d’altro.

Non sempre quello che è passato è bene: e infatti l’età media umana si è molto allungata nell’ultimo secolo grazie ai progressi della medicina.

Confidiamo pertanto che i protagonisti di questa vicenda e simili vicende rimuovano quanto prima i loro appelli e non ripropongano mai più simili operazioni, esponendo bambini e soggetti immunodepressi ad un rischio non motivato da alcun beneficio.

L’articolo NOTIZIA VERA Il Varicella Party di Milano – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.

NOTIZIA VERA Il Varicella Party di Milano – bufale.net

Ci segnalano i nostri contatti un messaggio che sta scuotendo le bacheche di questo sonnolento Primo Maggio

Domani Varicella Party per chi lo desidera 😛
Vi aspettiamo alla casa di Milano!

Recita un testo che ha fatto il giro di diverse bacheche, comuni ed illustri, tra cui quella del sempreverde campione della divulgazione italiana, Dottor Burioni.

E la notizia è vera. Ci siamo recati nella bacheca indicata, che comunque riporteremo personalmente in versione censurata per proteggere la privacy dell’autrice del testo, evidentemente inconsapevole della gravità del suo atto e delle conseguenze che avebbe portato, che ad ora ha raggiunto il migliaio di condivisioni, trovandovi questo appello

Lo riconoscete? È lo stesso appello di prima, proveniente quindi dalla bacheca summenzionata.

Nextquotidiano ha dedicato alla vicenda un ampio post, ricordando alcuni punti salienti della triste vicenda.

Perché l’interprete di questa vicenda, bontà sua, non capisce in quali danni danni potrebbe essersi cacciata.

Citando il noto film Mad Max, Oltre la Sfera del Tuono

Gli anni passano rapidamente, e giorno dopo giorno abbiamo fatto la nostra storia raccontando la nostra leggenda. Ma questa non è la storia di uno. È la storia di tutti noi. E voi dovete ascoltare, e ricordare. Perché voi oggi ascoltate, e domani racconterete ai nuovi nati.

Ma non tutti ascoltano le storie e le leggende, anche solo presenti. E solo l’annno scorso un gruppo Facebook dedicato alla diffusione dei “Malattia Party”, ovvero il tentativo di evitare i vaccini infettando direttamente i pargoli con malattie a caso, conobbe improvvisamente una fine drastica.

Accidenti.. sono stata informata del fatto che questo gruppo potrebbe essere denunciato secondo art 438 cod pen per cui non si possono organizzare epidemie! Dichiaro sospeso il gruppo mi scuso con tutti. A breve la cancellazione.

Non si possono diffondere malattie infettive sul suolo nazionale… chi l’avrebbe mai detto?

Forse il legislatore, nella sua infinita saggezza, aveva previsto che

Chiunque cagiona un’epidemia mediante la diffusione di germi patogeni è punito con l’ergastolo [448, 452]. Se dal fatto deriva la morte di più persone, si applica la pena [di morte]

La ratio legis è evidente: se lo scopo di uno Stato è ridurre la diffusione di malattie, anche “apparentemente innocenti” ma con conseguenze ben gravi (pensiamo alle encefalopatie conseguenza del morbillo, o, tornando alla varicella, alle complicazioni dovute all’Herpes Zoster che sovente accompagna per la vita chi ha subito la varicella da bambino…), sarebbe insensato chiudere un occhio verso chi diffonde quegli stessi nocivi patogeni che si vorrebbero eliminati e sdradicati.

E del resto, eliminare la necessità di vaccinarsi cagionandosi direttamente la malattia ci sa tanto di eliminare la fame col suicidio o il bisogno di scarpe con l’amputazione dei piedi: si elimina dall’orizzonte immediato qualcosa nato per evitare un danno cagionandosi il danno stesso, in modo da poter, se tutto è andato bene, raccontare di esservi sopravvissuti e non aver bisogno d’altro.

Non sempre quello che è passato è bene: e infatti l’età media umana si è molto allungata nell’ultimo secolo grazie ai progressi della medicina.

Confidiamo pertanto che i protagonisti di questa vicenda e simili vicende rimuovano quanto prima i loro appelli e non ripropongano mai più simili operazioni, esponendo bambini e soggetti immunodepressi ad un rischio non motivato da alcun beneficio.

L’articolo NOTIZIA VERA Il Varicella Party di Milano – bufale.net sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.