DISINFORMAZIONE Tim Tebow si inginocchia in campo per protestare contro l’aborto

Tim Tebow, uno dei personaggi americani più famosi nonché ex quarterback della NFL avrebbe scelto di inginocchiarsi nel corso dell’inno nazionale come segno di protesta nei confronti dell’aborto.

In realtà è una notizia frutto di una notevole disinformazione, e lo stesso team di Snopes ha fatto chiarezza in questo articolo.

È bene chiarire un aspetto. Un quarterback attualmente senza contratto della NFL, Colin Kaepernick, ha dato il via ad una tendenza tra i giocatori, nel 2016, di rifiutarsi di ascoltare in modo composto l’inno nazionale americano prima della partita come segno di protesta. Kaepernick ha sempre protestato nei confronti di alcune violenze razziste compiute dalla polizia in varie zone del paese contro persone di colore.

Un altro ex quarterback della NFL, Tim Tebow, è molto famoso per aver mostrato più di una volta il suo attaccamento alla fede cristiana, inclusa la pratica di mettersi in ginocchio per pregare silenziosamente sul campo. Una pratica che, nel giro di pochi anni, venne puntualmente ribattezzata “Tebowing”.

Il meme che sta circolando sul web negli ultimi tempi, però, riporta una didascalia completamente sbagliata. Nella foto, peraltro vera, si può notare Tim Tebow inginocchiato a bordo campo. Ebbene, stando al meme, Tebow si sarebbe inginocchiato come forma di protesta contro l’aborto permesso dalla legge americana.

In realtà la situazione è ben diversa rispetto a quanto riportato dalla didascalia di questo meme. Infatti, Tebow si stava inginocchiando per la sua preghiera silenziosa, com’era solito fare prima di ogni match. Non c’entra alcuna forma di protesta legata all’inno nazionale e alla bandiera americana.

La posizione di Tim Tebow a favore della vita nello specifico caso della legge sull’aborto è ben nota a tutti, ma non ha nulla a che vedere con l’inginocchiarsi riportato in questo meme.

L’articolo DISINFORMAZIONE Tim Tebow si inginocchia in campo per protestare contro l’aborto sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale – fake news – bufale facebook.